G8S ThinQ, il primo cellulare che si può sbloccare con le vene

Gennaro Annunziata,  

G8S ThinQ, il primo cellulare che si può sbloccare con le vene

Grazie alla Z Camera si può utilizzare senza toccarlo e, facendo semplici gesti, è possibile lanciare le app, rispondere alle chiamate e catturare le schermate

La Serie G di LG è composta da smartphone progettati per garantire elevate prestazioni grazie ad un hardware allo stato dell’arte, con fotocamere ad alta risoluzione e batterie a lunga durata. Presentato nel febbraio scorso al MWC di Barcellona, il G8S ThinQ, nuovo top di gamma della multinazionale sudcoreana, è stato finalmente messo in commercio in alcuni mercati selezionati, tra cui anche l’Italia, pochi giorni fa.

Nella confezione di colore nero con scritte in argento, oltre il telefono, sono presenti un cavo USB/USB Type-C, il caricabatteria ricarica rapida da 15W (supportata anche la ricarica wireless), l’eiettore del carrello SIM, un piccolo panno pulisci schermo e degli eccellenti auricolari in ear con comandi sul cavo in stoffa antigroviglio e 3 coppie di gommini di varie dimensioni. C’è anche una cover trasparente in silicone, che, una volta montata, è molto utile per proteggere lo smartphone in caso di caduta, ma lo rende molto meno attraente esteticamente.

È caratterizzato da un design minimal ma elegante con dimensioni (155.3 x 76.6 x 7.99 mm) e peso (181 g) simili a quelli della maggioranza dei device in circolazione. Vanta una buona ergonomia, anche grazie a alla funzione “Vista mini” per ridurre le dimensioni dello schermo, ed è abbastanza comodo da tenere in mano. Ottima la qualità costruttiva della scocca monoblocco, priva di spigoli e curva su tutti e quattro i lati. Ha il profilo in lega di alluminio e un rivestimento in Corning Gorilla Glass 6 sulle due facce, di cui quella posteriore (disponibile nelle colorazioni Mirror Black e Mirror Teal) ha una finitura a specchio, tanto bella a vedersi quanto sensibile a riempirsi di impronte. Resistente alla polvere e all’acqua (immerso max 30 minuti fino a 1,5 metri di profondità), con certificazione IP68, ma anche a urti e cadute, basse e alte temperature, avendo superato i 12 test della certificazione MIL-STD-810G.

G8S ThinQ, il primo cellulare che si può sbloccare con le vene

La faccia anteriore, con un rapporto screen to body dell’82%, è quasi del tutto occupata dallo schermo formato 18.7:9 eccezion fatta, in basso, per un “mento” nero abbastanza pronunciato, in alto, per un largo notch dove sono integrati capsula auricolare, fotocamera anteriore standard, e l’innovativa Z Camera, composta da un emettitore ad infrarossi e da un sensore Time of Flight (ToF), che garantisce una maggiore sicurezza biometrica e offre un nuovo modo di interagire con lo smartphone senza toccarlo.

G8S ThinQ, il primo cellulare che si può sbloccare con le vene

Grazie alla Z Camera è infatti possibile sia il riconoscimento del volto 3D, veloce e affidabile in tutte le condizioni di luce, anche al buio, che quello del reticolo venoso del palmo della mano (Hand ID), altrettanto sicuro ma meno immediato.

Discorso a parte per le Air Motion, che, attraverso semplici gesti della mano nell’aria, stile Minority Report, consentono di lanciare applicazioni, rispondere alle chiamate, disattivare la sveglia o il timer, catturare schermate e utilizzare le app multimediali, controllando le impostazioni base come volume, play o pausa. L’idea è buona ma, come sperimentato nel corso della nostra prova, per ottenere risultati soddisfacenti, bisogna esercitarsi, armandosi di un po’ di pazienza. Il parco sensori è completato da Bussola, Barometro e Giroscopio.

G8S ThinQ, il primo cellulare che si può sbloccare con le vene

Lungo il bordo laterale sono presenti: a destra, il tasto di accensione/blocco e il cassettino estraibile per due nanoSIM; a sinistra, i due tasti volume e quello dedicato a Google Assistant; in alto, il microfono secondario (con tecnologia di soppressione del rumore); in basso, il microfono principale, l’uscita jack da 3.5 mm, la porta USB Type-C e uno dei due altoparlanti stereo (la capsula diventa, all’occorrenza, il secondo altoparlante), che offrono una buona qualità audio. A proposito di audio, usando le cuffie, si può beneficiare anche del 3D Surround DTS:X.

G8S ThinQ, il primo cellulare che si può sbloccare con le vene

Sul retro, al centro, in una posizione comoda da raggiungere, un lettore circolare di impronte digitali, rapido e preciso, e, poco più sopra, leggermente sporgente, il modulo orizzontale della tripla camera, con il flash led a destra.

G8S ThinQ, il primo cellulare che si può sbloccare con le vene

Uno dei punti di forza di questo telefono è il display, un OLED da 6,21 pollici, con risoluzione Full HD+ (2248×1080 pixel), densità 402 PPI e supporto all’HDR10. Un pannello dai neri intensi e dai colori nitidi, con una luminosità (max 380 NIT) tale da non avere problemi di leggibilità dei contenuti anche all’aperto. Numerose le opzioni a disposizione, tra cui la modalità Vista Comfort per ridurre l’emissione di luce blu e così affaticare meno gli occhi e la modalità True View, che adatta i automatico i colori dello schermo alla luce ambientale. In alternativa si può regolare i colori in manuale oppure scegliendo uno dei profili preimpostati (Cinema, Sport, Gioco, Foto, Web ed Esperto). Con New Second Screen è possibile nascondere il notch, o personalizzare, per forma e colore, lo spazio intorno ad esso. È presente anche la funzione Always-on per visualizzare orario, data e notifiche, a schermo spento.

G8S ThinQ, il primo cellulare che si può sbloccare con le vene

La dotazione hardware è da vero top di gamma con processore Qualcomm Snapdragon 855, un Octa-core (1×2.84 GHz Kryo 485, 3×2.42 GHz Kryo 485, 4×1.79 GHz Kryo 485) di ultima generazione, affiancato da una GPU Adreno 640, 6 GB di RAM LPDDR4X e 128 GB di memoria interna, espandibile tramite MicroSD fino a 2TB, rinunciando però ad una SIM telefonica. Per l’intelligenza artificiale è presente un processore IA Hexagon 690 DSP.

Come verificato durante il periodo di prova, il dispositivo è estremamente reattivo, veloce e fluido in qualsiasi operazione, supportando sessioni di gioco multi-player altamente reattive, con Snapdragon Elite Gaming, connettività multi-gigabit, intelligenza artificiale ancora più smart, video HDR in formato 4K, con un utilizzo ottimizzato delle risorse energetiche. Da segnalare che con numerose attività in multitasking, la dissipazione del calore non eccelle e sulla superficie in vetro si percepisce un anomalo aumento di temperatura.

La batteria integrata, una Li-ion da 3550mAh, anche facendo un utilizzo intenso del dispositivo, consente di arrivare a fine giornata senza alcuna difficoltà.

Buone la ricezione e la qualità delle chiamate telefoniche del G8S, che è un dual standby/single talk. Nelle impostazioni è possibile scegliere la SIM predefinita per chiamate, dati e messaggi. La connettività LTE consente di navigare in 4G fino a 1960 Mbps in download, sono inoltre presenti il Wi-Fi 802.11 a/b/g/n/ac a doppia banda, Bluetooth 5.0 e NFC con supporto a Google Pay. Per la navigazione turn-by-turn sono disponibili A-GPS, GLONASS, GALILEO, BDS. Manca la radio FM.

G8S ThinQ, il primo cellulare che si può sbloccare con le vene

Il G8s ThinQ dispone di una tripla fotocamera posteriore dotata di tre sensori: uno principale da 12 megapixel, con apertura f/1.8, Dual PDAF e stabilizzazione ottica, uno da 13 megapixel con grandangolo (136° / 113° a bassa distorsione) ed uno, con zoom ottico 2X stabilizzato, da 12 megapixel. È possibile vedere in tempo reale tutte e tre le anteprime e scattare tre foto con un sol tocco. Una dotazione versatile che consente di affrontare qualsiasi situazione, offrendo scatti ricchi di dettagli e con una gamma dinamica estesa. La fotocamera lavora bene di giorno, mentre in condizioni di scarsa illuminazione, le foto presentano, talvolta, rumore e perdita di dettaglio. L’effetto bokeh (regolazione della profondità di campo, con soggetto in primo piano a fuoco mentre lo sfondo è sfocato) oltre che per le foto è disponibile anche per gli ottimi video, che possono essere girati in 4K a 60 fps.

G8S ThinQ, il primo cellulare che si può sbloccare con le vene

Con la fotocamera frontale da 8 megapixel con apertura f/1.9 si ottengono discreti selfie, anche qui con la possibilità di un elegante sfondo sfocato.

G8S ThinQ, il primo cellulare che si può sbloccare con le vene

Con la modalità Spotlight, grazie alla mappatura 3D del volto, è possibile aggiungere una fonte luminosa dove si preferisce, così da aggiungere al viso ombre naturali.

Il sistema operativo a bordo è Android 9.0 Pie con interfaccia utente proprietaria, ordinata e comoda da navigare.  Per personalizzare l’aspetto, a disposizione numerosi temi.

Con un prezzo di listino di 769 euro (più basso di quello del precedente top di gamma, G7), il G8s attualmente si può acquistare su Amazon a 640 euro. Ulteriori ritocchi verso il basso siamo certi ci saranno nei prossimi giorni rendendo molto appetibile questo top di gamma a cui non manca nulla, oltre ad offrire qualche interessante innovazione che lo distingue dalla massa degli agguerriti concorrenti.

Gennaro Annunziata