Alberto Dortucci

Torre del Greco, il business dei lavori pubblici dietro l’addio di Palomba

Alberto Dortucci,  
albertodortucci,  

Torre del Greco, il business dei lavori pubblici dietro l’addio di Palomba

Lavori pubblici a Torre del Greco: assessore-fantasma a 1.600 euro al mese
Dimissioni-bluff a Torre del Greco, Scotto già «cancella» Palomba e lancia l'appello per l'alternativa

Torre del Greco. Il sindaco al fresco in montagna, gli alleati al caldo della città a mettere in campo le prime strategie per convincere Giovanni Palomba a ritirare le dimissioni messe nero su bianco al termine di 13 mesi da incubo a palazzo Baronale. E mentre le «colombe» della maggioranza sono già volate a convincere i due gruppi di dissidenti a siglare una tregua per il bene di tutti – in particolare di chi ogni mese porta a casa fino a quattromila euro lordi per le proprie «attività politiche» in municipio – emergono i primi retroscena sull’addio alla fascia tricolore dello storico figlioccio della Dc all’ombra del Vesuvio.

L’affare lavori pubblici

A poche ore dalle dimissioni del primo cittadino, gli esponenti del neonato super-gruppo a trazione Pd capeggiato da Felice Gaglione – l’ex fedelissimo di Donato Capone, un nome noto in municipio e non solo – aveva espresso «stupore per la decisione del sindaco» e si erano affrettati a sottolineare come «ci riteniamo estranei – i concetti espressi da Iolanda Mennella, Luisa Liguoro, Gaetano Frulio e Antonio Spierto – a qualsiasi motivazione abbia indotto il sindaco a rassegnare le dimissioni». Il classico: «Excusatio non petita, accusatio manifesta», come direbbero i «soloni» della carovana del buongoverno. Perché, in realtà, il super-gruppo di dissidenti – insieme ai punti programmatici per il cambio di passo dell’amministrazione comunale – avrebbe presentato il «conto» in termini di poltrone. E insieme alla nomina di Renato Grimaldi – sponsorizzato proprio da Felice Gaglione, fratello di un imprenditore specializzato in assistenza a disabili e anziani – a coordinatore d’ambito delle politiche sociali, avrebbero rivendicato la delega ai lavori pubblici. «Altrimenti, possiamo restare senza rappresentanti in giunta», la sibillina «minaccia» al sindaco. Perché proprio i lavori pubblici? Perché l’anno prossimo a palazzo Baronale potrebbero arrivare circa 25 milioni di euro e la «gestione» delle opere da realizzare potrebbe essere fondamentale per il rilancio della città. Ma l’aut aut avrebbe fatto scattare un campanello d’allarme nella testa del sindaco, fino a oggi neanche sfiorata da scandali e inchieste. Di qui, la classica goccia capace di fare traboccare il vaso.

Il risveglio del Pd

Intanto, con calma, il direttivo cittadino del Pd – l’ex colosso del centrosinistra per metà saltato sotto mentite spoglie sulla carovana del buongoverno e per metà rimasto a piedi – ha lanciato i primi segnali di risveglio: «Solo un radicale cambiamento dovrebbe indurre il sindaco a ritirare le dimissioni – la posizione dei democrat – Valuti dunque il sindaco se questo possa miracolosamente avvenire in questi giorni. Ma a fronte della persistenza di  ottusità, meglio ridare al cittadino la sovranità del voto: la città non può essere lasciata in balia di questa amministrazione comunale». ©riproduzione riservata