Daniele Gentile

Ercolano, schianto all’incrocio di San Vito: 4 feriti e 2 auto distrutte

Daniele Gentile,  
albertodortucci,  

Ercolano, schianto all’incrocio di San Vito: 4 feriti e 2 auto distrutte

San Silvestro. A Portici un 49enne ricoverato per ustioni. Trentacinque feriti, anche un bambino
Sangue sulle strade. Scontro frontale, 4 morti

Ercolano. Si bagna nuovamente di sangue via Benedetto Cozzolino, la statale del Vesuvio ribattezzata come la «strada della morte». L’altra sera un nuovo incidente ha rischiato di sfociare in tragedia: all’incrocio tra via San Vito e via Benedetto Cozzolino si è verificato un terribile schianto tra una Fiat 500 e una Citroén C1, entrambe guidate da ragazzi.

Per ragioni in corso di accertamento i due veicoli si sono scontrati al centro della careggiata: l’auto guidata da una ragazza è finita rovinosamente contro il muro dell’ex banca di Credito Popolare, dopo avere divelto i segnali stradali sistemati sul marciapiede. Immediatamente sul posto si è formata una folla di curiosi e sono arrivati i soccorsi: tutti i coinvolti nell’incidente sono stati trasportati al pronto soccorso dell’ospedale Agostino Maresca, ma fortunatamente nessuno ha riportato gravi conseguenze al di là di lievi escoriazioni e ferite marginali.

Al vaglio degli agenti di polizia è finita, invece, la dinamica dello schianto: secondo la prima ricostruzione degli uomini in divisa, l’auto guidata dalla ragazza non avrebbe rispettato la precedenza all’incrocio e avrebbe intralciato la strada all’altro veicolo che giungeva da via Benedetto Cozzolino, presumibilmente a velocità sostenuta.

Tuttavia, proprio l’incrocio in questione risulta essere un costante teatro di simili episodi: l’intersezione stradale, infatti, non è regolamentata da alcun tipo di semaforo o rotatoria e la segnaletica orizzontale è rigorosamente sbiadita. Insomma, una vera e propria trappola per centauri e automobilisti, proprio come testimoniano le lapidi di chi, in quell’esatto punto, anni fa  ha perso la vita in circostanze simili.

©riproduzione riservata