Alberto Dortucci

Politiche sociali, svolta a Torre del Greco: 19 assunzioni in Comune

Alberto Dortucci,  
albertodortucci,  

Politiche sociali, svolta a Torre del Greco: 19 assunzioni in Comune

Torre del Greco, faida tra ex Borrielliani: il sindaco Palomba tra due fuochi
Torre del Greco, Palomba già in vacanza: «Non torno indietro». E lancia l'ultima sfida ai consiglieri comunali

Torre del Greco. Il via libera arriverà entro Ferragosto, quando il decreto sarà pubblicato sulla gazzetta ufficiale. Ma un apposito provvedimento firmato da Andrea Formisano – l’ex vice-comandante della polizia municipale voluto dal sindaco Giovanni Palomba alla guida del settore politiche sociali – già spalanca le porte a 19 nuove assunzioni in municipio, tutte nel settore del welfare. Una vera e propria svolta occupazionale, destinata a rinforzare un settore storicamente sotto organico in modo da garantire maggiore sostegno alle fasce deboli di Torre del Greco.

La svolta assunzioni

Il progetto rientra nell’ambito del programma operativo nazionale per l’attuazione del sostegno per l’inclusione attiva e prevede fondi per complessivi 1,5 milioni di euro al Comune di Torre del Greco. Tra le azioni ammissibili e finanziabili c’è l’opzione scelta dall’ente di palazzo Baronale. Ovvero «il potenziamento dei servizi per la presa in carico e degli interventi sociali rivolti alle famiglie destinatarie del Sia» attraverso l’assunzione di 15 assistenti sociali e 4 istruttori amministrativi da inserire all’interno dell’organico del Comune. I contratti avranno la durata di 16 mesi – a partire dal secondo semestre del 2019 – e potranno eventualmente essere prorogati di ulteriori 12 mesi. In pratica, dovesse filare tutto liscio, l’ufficio politiche sociali potrà contare su 19 rinforzi per circa due anni e mezzo.

Il bando e le selezioni

L’avviso pubblico sarà ufficializzato entro fine agosto e sarà rivolto, ovviamente, a tutti i professionisti del settore. Per fronteggiare l’inevitabile «assalto» ai 19 posti di lavoro, il concorso prevede una prima «scrematura» a monte con i candidati chiamati a raggiungere – attraverso i propri titoli – un punteggio minimo per accedere alla successiva prova orale in base a cui sarà compilata la graduatoria finale. L’obiettivo dell’ente di palazzo Baronale è completare l’intera procedura entro il prossimo autunno.

©riproduzione riservata