Incidente choc a La Cartiera. Bimbo di 5 anni si trancia un dito

Redazione,  

Incidente choc a La Cartiera. Bimbo di 5 anni si trancia un dito

Nel tentativo di gettare una carta nel cestino dei rifiuti, resta incastrato col mignolo in una delle fessure del contenitore. E in preda al panico, cercando di liberarsi, si trancia il dito. La vittima dell’incidente è un bambino di appena cinque anni che aveva raggiunto il centro commerciale La Cartiera di Pompei assieme ai genitori. Ricoverato all’ospedale Santobono di Napoli, già nel corso delle prossime ore, il piccolo – originario dell’Agro Nocerino Sarnese – subirà un intervento chirurgico per ricucire il mignolo. Fortunatamente il dito è stato subito recuperato dai soccorritori ed è sano perché trasportato in una busta piena di ghiaccio. Sull’episodio, i carabinieri della stazione di Pompei – agli ordini del maresciallo Tommaso Canino – hanno avviato degli accertamenti di rito e hanno proceduto col sequestro del cestino dei rifiuti dove il piccolo si è ferito. L’episodio choc è avvenuto nel pomeriggio di ieri, poco dopo le 17. La famiglia aveva deciso di trascorrere qualche ora al centro commerciale di Pompei. Relax, shopping e divertimento in compagnia del bambino. Ma purtroppo, poco dopo essere arrivati a La Cartiera, c’è stato l’incidente. Il piccolo si avvicina a un cestino, quello della raccolta differenziata. Vuole buttare della carta. E getta tutto all’interno del contenitore di acciaio, che presenta delle piccole fessure nella parte alta. Il piccolo resta incastrato con il mignolo nel cestino. E cerca di liberarsi. Il dito è incastrato, gonfio, finisce con lo staccarsi violentemente. Sono attimi di assoluto terrore. Il bambino, sotto choc, urla incredibilmente per il dolore. I genitori si avvicinano e dinanzi ai loro occhi si presenta un’immagine inquietante. Il piccolo non ha più il mignolo, che è finito all’interno del cestino. Sangue ovunque, lacrime e paura. Vengono immediatamente contattati il 118 e anche i carabinieri di Pompei, che piombano sul posto. Il dito viene recuperato e imbustato con del ghiaccio, così da conservarlo nelle migliori condizioni possibili durante il viaggio verso l’ospedale Santobono di Napoli, già allertato per accogliere il piccolo. Gli uomini agli ordini del maresciallo Canino scortano i soccorritori e la famiglia del bimbo, diretti a tutta velocità sull’autostrada verso il capoluogo campano. Il bambino viene accolto dai medici che effettuano i primi controlli, fino all’annuncio dell’operazione chirurgica: si proverà a riattaccare il mignolo alla mano del bimbo. Un’operazione che si spera possa andare a buon fine. Sull’incidente, i carabinieri della stazione di Pompei hanno avviato degli approfondimenti d’ufficio. I militari hanno ispezionato alcuni cestini del centro commerciale e hanno provveduto a eseguire un sequestro preventivo per il contenitore dove il bambino si è ferito. Nel corso dei prossimi giorni, i controlli accerteranno se i cestini sono conformi o meno alle prescrizioni dettate dalla normativa sulla sicurezza. A un sommario esame effettuato sul posto, non appaiono esserci irregolarità o problemi. Tutto, però, sarà più chiaro nelle prossime settimane. Intanto la famiglia spera che l’incidente a breve possa diventare soltanto un brutto ricordo.