Champions: Klopp, Insigne non dovrà più ridere

Redazione,  

Champions: Klopp, Insigne non dovrà più ridere

NAPOLI – “Insigne? Quando lo incontro in campo ogni volta mi fa un grosso sorriso in faccia e alla fine delle partite ride proprio. Domani dovremo difendere bene e ricordare gli errori dello scorso anno”. Il tecnico del Liverpool Jurgen Klopp mette nel mirino il fantasista del Napoli alla vigilia della sfida inaugurale del girone di Champions League. Il tecnico ricorda il ko dello scorso anno: “L’anno scorso – dice – abbiamo perso tutte e tre le gare in trasferta del girone e dobbiamo migliorare. Dopo il ko contro il Napoli aggiustammo la difesa e trovammo l’assetto che ha funzionato per il resto dell’anno. Domani mi accontento di un pari? Se lo meritiamo sì, ma se giochiamo bene voglio vincere”.    Il tecnico campione d’Europa sottolinea che la vittoria in Champions non cambia granché e avverte sul rischio di affrontare il Napoli: “Se sei forte nella testa – dice – e non vai a ubriacarti o a comprare droghe o lasci la sera tua moglie a casa ed esci si va avanti in modo normale. La vittoria in Champions è di quattro mesi fa, ora siamo andati avanti e domani affrontiamo un Napoli che è ad altissimi livelli da 4-5 anni, magari non proprio il livello che vorrebbe visto che la Juve continua a vincere. Gli azzurri hanno mantenuto l’intelaiatura dello scorso anno aggiungendo giocatori di qualità come Manolas. Anche noi non abbiamo stravolto la squadra sul mercato, sarà una bella sfida”. Ultimo passaggio sugli spogliatoi, visto che Klopp si era detto preoccupato dopo le esternazioni di Ancelotti sui lavori: “Quello degli ospiti – dice, chiudendo la polemica con una battuta – è uguale allo scorso anno quindi non credo ci siano stati lavori. Forse i problemi sono stati nell’altro spogliatoio con l’aria condizionata, visto che qui a Napoli sto sudando come un pazzo”.