Ambiente: blitz Fridays for future a deposito carburante

Redazione,  

Ambiente: blitz Fridays for future a deposito carburante

NAPOLI – Questa mattina un centinaio di attivisti di Fridays For Future provenienti da tutta Italia hanno bloccato l’ingresso del deposito Q8 di San Giovanni a Teduccio alla periferia est di Napoli. Il mega deposito di carburante si trova a ridosso dell’area Sin (sito di interesse nazionale) di Napoli Est, “profondamente inquinato dagli idrocarburi e ancora oggi fonte di inquinamento dell’aria per i cittadini di Napoli Est esposti continuamente ai fumi degli idrocarburi”, si legge in una nota. Gli attivisti, oltre a bloccare l’ingresso del deposito, hanno realizzato scritte in prossimità dell’ingresso dello stabilimento, ‘Climate Justice Now’ (giustizia climatica ora).

I manifestanti sono giunti a Napoli da tutta Italia per partecipare all’assemblea nazionale di Fridays for Future che si terrà domani a Napoli ad una settimana della mobilitazioni globali del 27 settembre che hanno visto solo in Italia, oltre un milione di persone scendere in piazza contro i cambiamenti climatici e contro il modello di sviluppo capitalista. L’iniziativa giunge a conclusione dei tre giorni di ‘Life vs Capital’ la scuola di formazione internazionale contro i cambiamenti climatici che si è tenuta a Napoli dal 2 al 4 ottobre tra il complesso monumentale di San Domenico Maggiore e la facoltà di Lettere dell’Università Federico II con la presenza di docenti e ricercatori da tutto il mondo. “Stop alla dipendenza dai combustibili fossili e a qualsiasi tipo di emissioni inquinanti – ha detto Enrico Forte portavoce di Fridays For Future Napoli – momenti di blocco come quelli di stamattina sono fondamentali per far comprendere a tutte e tutti che non abbiamo più tempo e che bisogna immediatamente invertire la rotta”.