Salvatore Dare

Traffico, emergenza continua. L’idea del tunnel a senso unico

Rispunta il progetto di riaprire il vecchio varco dello Scrajo: chieste anche centraline anti-smog

Traffico, emergenza continua. L’idea del tunnel a senso unico

VICO EQUENSE – Da quando è stata inaugurata, la galleria Santa Maria di Pozzano è sempre e comunque sotto la luce dei riflettori. Perché dall’estate del 2014 – la data di apertura del tunnel – le condizioni della viabilità in penisola sorrentina sono sensibilmente crollate. E’ un’emergenza assurda, incredibile, quotidiana. E mai affrontata in modo compatto, costruttivamente. Le sei amministrazioni comunali della penisola sorrentina si lamentano. Protestano pendolari e imprenditori turistici. I commercianti sono infuriati. Le aziende di trasporto privato sono esasperate. E con frequenza si assiste al consueto “teatrino” degli incontri, magari in Prefettura o in Regione, dove si discute dell’opportunità di potenziare i trasporti su ferro o via mare per risolvere i problemi. Scenari che come sempre sfumano per mancanza di risorse o capacità.I risultati sono scadenti, non si è mai trovata la quadratura del cerchio e ogni giorno, in ogni stagione, imboccare i tornanti della Statale sorrentina 145 rappresenta un’autentica odissea. Un’opzione per tentare una exit strategy è quella suggerita dal sindaco di Vico Equense, Andrea Buonocore, nel corso di una recente seduta di consiglio comunale.

Ovvero: provare l’esperimento del senso unico. Evidentemente bisognerebbe capire se applicare questo provvedimento in direzione Castellammare di Stabia o Sorrento. E di certo sarebbe una questione che dovrebbe affrontare soprattutto l’Anas, che gestisce la Statale. A ciò, stando sempre alle ricostruzioni e alle proposte valutate dall’amministrazione di Vico Equense, bisognerebbe accompagnare il senso unico con l’apertura eccezionale del varco dello Scrajo. Cioè il “vecchio” percorso, quello originale, che consentiva ai veicoli di raggiungere i caselli autostradali di Castellammare di Stabia attraverso la strada che costeggia la zona del Bikini. Su questo punto, l’ex sindaco facente funzioni Benedetto Migliaccio – primo cittadino di una giunta nella quale sedeva anche Buonocore, all’epoca assessore con delega al bilancio – commissionò uno studio ad hoc ad uno dei massimi esperti in viabilità, il professore Lorenzo Domenichini, ingegnere di grosse capacità che aveva già parlato della possibilità di adottare il senso unico.La galleria Santa Maria di Pozzano è lunga cinque chilometri e anche per la sua conformazione vede tutti i veicoli arrivare sul ponte di Seiano «uno dietro l’altro», riprendendo le parole di Buonocore.

A quanto pare, l’opzione del senso unico potrebbe finire a stretto giro sulla scrivania prefettizia e dell’Anas.Di pari in passo a ciò, c’è da tenere in debita considerazione l’azione legale invocata a più riprese dal consiglio comunale. E’ stata la maggioranza che sostiene Buonocore a invitare la giunta a trascinare in tribunale l’Anas chiedendo un risarcimento dei danni patiti dall’intera comunità di Vico Equense. Altra istanza: installare delle centraline per rilevare il grado di inquinamento atmosferico nella zona di Seiano. Una frazione che è l’epicentro dei disagi, delle difficoltà, degli affanni. E il cui grado di vivibilità è in picchiata da quando è stata aperta la nuova maxi galleria, costata decine di milioni di euro e attesa per decenni.