Napoli no-limits, ma resta il dubbio infortunati. Per Ancelotti il problema è la difesa decimata

Redazione,  

Napoli no-limits, ma resta il dubbio infortunati. Per Ancelotti il problema è la difesa decimata

La partita contro Spal è dietro l’angolo e il Napoli non ha neppure il tempo di godersi il successo in Champions sul Salisburgo nella Red Bull Arena, un terreno di gioco che, prima dell’impresa di ieri degli azzurri, era inviolato da 70 partite.    Ma il campionato incombe e non è il caso di perdere tempo a festeggiare. Proprio per questo nel pomeriggio Carlo Ancelotti ha riunito la squadra nel centro tecnico di Castel Volturno  e ha cominciato a preparare la trasferta di Ferrara, dove il Napoli sarà impegnato domenica pomeriggio alle 15.    Il problema del tecnico è soprattutto quello di capire di quali difensori potrà disporre, vista la vera e propria ecatombe che si è abbattuta sul reparto.    In occasione della partita a Salisburgo erano fuori gioco per infortunio ben cinque calciatori: Manolas, Hysaj, Maksimovic, Maio Rui e Ghoulam. Necessario, dunque, utilizzare Koulibaly e Luperto al centro della retroguardia e spostare Di Lorenzo a sinistra.

Ora lo staff medico dovrà valutare le condizioni degli infortunati e Ancelotti non potrà non decidere la formazione da mandare in campo sulla base di queste indicazioni.     All’allenamento pomeridiano, Manolas ha svolto lavoro personalizzato in palestra, in seguito all’infrazione alla costola subita dopo la sfida contro il Verona. Maksimovic ha fatto parte del lavoro in gruppo e parte differenziato. Mario Rui e Hysaj proseguono nella loro tabella di recupero personalizzata.    Per fortuna dell’allenatore i problemi sono limitati a un solo reparto, perché centrocampo e attacco non soffrono di defezioni dovute a infortuni. In questi due zone del campo è possibile, anzi probabile, una rotazione, il che sgnifica che in campo a Ferrara andranno quelli che in Austria sono rimasti in panchina. E’ il caso di Milik, sbloccatosi con la doppietta al Verona, che sicuramente sarà al centro dell’attacco azzurro. Il dubbio riguarda chi dovrà affiancarlo, visto lo stato di forma straordinario di Mertens che difficilmente potrà essere tenuto fuori.    Il belga sta vivendo un momento esaltante. Con la doppietta di Salisburgo ha raggiunto quota 116 nella classifica dei marcatori del Napoli di tutti i tempi, superando addirittura Diego Maradona, fermo a 115 centri, e ora punta decisamente a diventare il numero uno in questa graduatoria. Davanti a lui c’è solo Marek Hamsik che di gol con la maglia del Napoli nel ha fatti in totale 121.

Lo stesso Hamsik dalla Cina ha rivolto un pensiero e un apprezzamento nei confronti del suo ex compagno di squadra. Sul profilo Instagram, lo slovacco ha scritto: “Grande Dries, sono il prossimo”. E la pensa così anche il belga che sull’argomento ha commentato: “Ho superato Diego che è stato l’idolo assoluto di questa città e adesso spero di raggiungere anche Marek che è a 5 gol di distanza. A lui non dico nulla, ma spero di poterlo superare presto, magari entro Natale”.