Assaltano la banca fingendo di essere armati, arrestati napoletani in trasferta

Redazione,  

Assaltano la banca fingendo di essere armati, arrestati napoletani in trasferta

Arrestati ‘in diretta’ dai carabinieri mentre rapinavano la Cassa di Risparmio di Ravenna, filiale di Porto Garibaldi, a Comacchio, nel Ferrarese. A tentare il colpo tre rapinatori, di origine napoletana, entrati uno a volto scoperto e gli altri due con passamontagna e berretto: hanno preso di mira il bancone e, fingendo di avere una pistola in tasca, hanno obbligato la cassiera a consegnare tutto il denaro, circa 20-25mila euro. Erano circa le 13 di oggi, poco prima della temporanea chiusura per la pausa pranzo dei dipendenti, quando si è scatenato il panico. Due clienti sono stati chiusi dentro uno sgabuzzino insieme agli altri dipendenti e al direttore di filiale, mentre la cassiera consegnava tutto il contante.

Ma al trio non è bastato: hanno chiesto l’apertura della cassaforte temporizzata. L’operazione, però, ha fatto scattare l’allarme collegato al 112 dei carabinieri e da Comacchio è partita la telefonata di controllo. Nessuno ha risposto ed è scattata l’operazione dei militari. Alla filiale si è avvicinata la pattuglia della stazione di Porto Garibaldi e poi sono partiti i rinforzi del radiomobile. Arrivati in via Ugo Bassi, i carabinieri sono entrati nella filiale dell’istituto di credito e hanno trovato i rapinatori ancora sul posto. I tre avevano solo simulato il possesso di una pistola, in realtà erano disarmati e si sono subito arresi. Si tratta, secondo quanto ricostruito, di rapinatori “da trasferta” campani che salgono al nord per mettere a segno i colpi e poi rientrare alla base.