Spaccio, la piazza dei 15enni. Sfida alle forze dell’ordine

Redazione,  

Spaccio, la piazza dei 15enni. Sfida alle forze dell’ordine

CASTELLAMMARE DI STABIA – Una piazza di spaccio gestita da minorenni alle spalle del Palazzo dei Tedeschi, in via De Gasperi, nella periferia nord di Castellammare di Stabia. Basterebbe questo per far capire la sfrontatezza di una vera e propria baby gang formata da giovanissimi, che avrebbe messo in piedi un giro di spaccio di sostanze stupefacenti proprio in una zona dove sono collocati tutti i presidi delle forze dell’ordine. La segnalazione arriva da alcuni residenti di via De Gasperi che nelle settimane scorse hanno notato strani movimenti proprio su quel tratto di spiaggia che va dal Palazzo dei Tedeschi fino alla zona dove sono ospitati gli uffici del Sert.

Alcuni abitanti di quel quartiere hanno filmato gruppi di ragazzini che si spostano in sella a biciclette e mezzi elettrici, tutti rigorosamente senza targa, per perlustrare la zona. In particolare, arrivo di altri giovanissimi, secondo quanto emerge dai filmati, alcuni ragazzi scavalcano una ringhiera e recuperano qualcosa – probabilmente dosi – da consegnare in cambio di soldi. Le immagini, a quanto pare, sono già state messe a disposizione delle forze dell’ordine che stanno cercando di far luce su quanto sta accadendo in quella zona della periferia nord di Castellammare di Stabia. Il primo dato, evidente dai filmati, è che tutti i protagonisti di questi strani movimenti – circa una decina – hanno al massimo 16 anni. Le forze dell’ordine stanno cercando di identificarli tutti e il sospetto è che tra loro possano esserci anche figli di pregiudicati affiliati al clan D’Alessandro. Inoltre, c’è la possibilità che alcuni dei giovani che farebbero parte di questo giro sarebbero tra i protagonisti di alcuni pestaggi che si sono verificati sul lungomare di Castellammare di Stabia nel corso dell’ultima estate.

Un lavoro chirurgico quello che stanno portando avanti le forze dell’ordine, per capire se si tratti a tutti gli effetti di una baby-gang che agisce in modo autonomo oppure se si tratta di giovanissimi che hanno collegamenti con le organizzazioni criminali che fanno affari, tra le altre cose, con il traffico di sostanze stupefacenti.

La droga

Che i giovanissimi sono sempre più impegnati nell’affare dello spaccio di droga è già emerso un paio di settimane. I carabinieri della compagnia di Castellammare infatti riuscirono a smantellare una piazza nel rione Fontanelle, che veniva gestita da un 17enne stabiese, con la collaborazione di un 16enne e due 15enni. Una banda di giovanissimi che utilizzavano un palazzo disabitato per nascondere la dosi di droga ed erano organizzati proprio con il classico sistema di vedette e pusher. I militari riuscirono a scoprire addirittura che la banda nascondeva un borsone con mezzo chilo di marijuana, roba che rivenduta al dettaglio avrebbe fruttato diverse migliaia di euro. Anche in questo caso il sospetto è che i giovanissimi potessero essere collegati a qualche organizzazione criminale. Non a caso le indagini stanno andando avanti anche dopo gli arresti.

I pestaggi

Nel corso dell’ultima estate, inoltre, si sono verificati diversi pestaggi di giovanissimi in villa comunale, a Castellammare di Stabia. In alcuni casi, le vittime hanno denunciato di essere stati pestati senza alcun motivo, mentre in altri hanno denunciato anche furti. Gli investigatori da tempo stanno lavorando con l’obiettivo di risalire agli autori dei pestaggi e proprio per quanto riguarda alcuni episodi c’è il sospetto che si tratti degli stessi giovanissimi che hanno messo in piedi una piazza di spaccio nella periferia nord di Castellammare. Gli inquirenti hanno acquisito le immagini della videosorveglianza e filmati amatoriali proprio con l’obiettivo di dare un volto e un nome ai componenti della baby-gang.