Tiziano Valle

Castellammare, incubo meningite. Grave una bimba

Tiziano Valle,  

Castellammare, incubo meningite. Grave una bimba

CASTELLAMMARE DI STABIA – Due nuovi casi di meningite, personale medico costretto a sottoporsi a profilassi e pazienti che scappano dal San Leonardo per il timore di essere contagiati. Due giorni da incubo quelli vissuti al pronto soccorso e nel reparto di Pediatria del presidio dell’ospedale di Castellammare. Vittime della meningite una bambina di appena due anni e una donna di 52 anni, che sono state trasferite d’urgenza all’ospedale Cotugno di Napoli, vera e propria eccellenza per quanto riguarda il trattamento di pazienti con malattie infettive. La bambina è stata portata nella giornata di martedì nel reparto di Pediatria con febbre altissima. Dopo le prime analisi i medici hanno accertato che si trattasse di un caso di meningite e immediatamente hanno predisposto il trasferimento della piccola all’ospedale Cotugno. Nella giornata di ieri, la bambina è stata tenuta sotto osservazione dai medici e le sue condizioni sono apparse in via di miglioramento.

La donna, invece, è arrivata al pronto soccorso del San Leonardo, nella giornata di ieri. Febbre alta, collo rigido e altri sintomi considerati indicativi di una possibile meningite, tant’è vero che fin dalla prima diagnosi i medici hanno indicato una sospetta sepsi da meningococco. Immediatamente sono stati predisposti tutti gli accertamenti del caso, a seguito dei quali si è avuta la conferma del nuovo caso di meningite. Accanto a lei alcuni familiari – subito sottoposti a profilassi – che hanno atteso l’esito delle analisi incrociando le dita. La donna adesso è ricoverata all’ospedale Cotugno di Napoli e i medici la stanno monitorando costantemente, fiduciosi in un miglioramento del suo quadro clinico. La notizia di un nuovo caso di meningite ha scatenato il panico all’interno del pronto soccorso dell’ospedale San Leonardo. Medici e infermieri sono stati immediatamente sottoposti a profilassi, ma appena hanno indossato le mascherine, come da protocollo, molti pazienti presenti all’interno del reparto hanno deciso di andare via. L’ospedale in entrambi i casi ha subito attivato tutte le procedure previste, facendo sterilizzare e disinfettare il pronto soccorso, proprio per evitare rischi di contagio.

La psicosi della meningite tra l’altro s’è scatenata anche per l’arrivo al pronto soccorso di un altro paziente, con febbre altissima. Ma dopo le analisi di rito si è accertato che non c’era alcuna infezione in atto. I casi L’incubo della meningite torna a far capolino, dunque, nell’ospedale San Leonardo a distanza di mesi dagli ultimi casi. Cinque gli episodi accertati nel 2019, Il Piano Urbanistico Comunale di Castellammare di Stabia sarà redatto da un consulente esterno. Questa la decisione dell’amministrazione guidata dal sindaco Gaetano Cimmino che è pronta ad affidare una maxi-consulenza da 160mila euro per un professionista o una società che parteciperanno al bando che sarà promosso attraverso il Mepa (Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione). L’avviso pubblico sarà pubblicato nelle prossime settimane e punta ad affidare in appalto il servizio di “Redazione del Piano Urbanistico Comunale (PUC) e redazione, a supporto dell’Autorità procedente, del rapporto preliminare e del rapporto ambientale nell’ambito del connesso procedimento di Valutazione Ambientale Strategica (VAS). Regolamento urbanistico Edilizio. Carta uso agricolo del suolo. Zonizzazione Acustica”. Una maxi-consulenza da 160mila euro, per un contratto di 120 giorni che scatterà dal giorno successivo alla stipula dell’accordo. La redazione del Piano Urbanistico Comunale è la vera sfida che punta a lanciare l’amministrazione guidata dal sindaco Gaetano Cimmino, per rivoluzionare uno strumento che a suo avviso «ha ingessato la città per anni», come spiegato nel corso di un recente dibattito che si è svolto nel Salone Viviani.

Un confronto tra tecnici e politici che ha sancito l’avvio di una discussione che inevitabilmente catalizzerà il dibattito politico nei prossimi mesi. Il Puc infatti avrà il compito di disegnare la città del futuro e manco a dirlo lo scontro si accenderà proprio sulle scelte urbanistiche, in particolare per quanto riguarda l’edilizia residenziale. L’opposizione è pronta alle barricate per quanto riguarda la costruzione di nuove case sulla linea di costa di Castellammare di Stabia, mentre l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Gaetano Cimmino non chiude le porte all’ipotesi di concedere autorizzazioni, a patto che vengano fatti anche interventi finalizzati a costruire strutture ricettive. Sta di fatto che la redazione del Puc sarà affidata al consulente esterno che riuscirà a strappare l’incarico da 160mila euro dal comune di Castellammare di Stabia.tiva ©riproduzione riservataPuc, c’è la maxi-consulenza Pronto un incarico da 160mila €l’ultimo lo scorso aprile quando arrivò al pronto soccorso una giovane mamma di Torre del Greco. Non c’è mai stata un’epidemia, tantomeno adesso, ma a cavallo tra la fine del 2016 e l’inizio del 2017, si scatenò il terrore tra Castellammare e i comuni dei Lattari, anche a seguito del decesso in ospedale di un 17enne di Agerola. I dati degli ultimi anni, però, rientrano nella normalità secondo gli esperti. Numeri che se da un lato servono a rassicurare la popolazione, dall’altra spingono i medici a evidenziare la necessità di vaccinarsi per evitare il contagio. Negli anni scorsi, proprio a Castellammare, si scatenò una vera e propria corsa ai vaccini che impegnò il distretto per mesi in un tour de force.