Salvatore Dare

Sorrento, la truffa dei turisti al parcheggio

Salvatore Dare,  

Sorrento, la truffa dei turisti al parcheggio

Una vera e propria truffa che arreca danni al Comune di Sorrento e raggira tanti abbonati della sosta. E’ quella che si sta consumando da diverse settimane al parcheggio Achille Lauro di via Correale.La struttura pubblica, che garantisce al Comune incassi da capogiro ogni anno (almeno 1,5 milioni di euro), è presa d’assalto da numerosi ospiti delle strutture extralberghiere che, non trovando spazi dove magari lasciare la propria vettura, riescono a infilarsi all’interno del parcheggio utilizzando in modo fraudolento la tessera dell’abbonamento dei titolari delle strutture extralberghiere dove pernottano. E’ un caso spinoso, delicato, su cui sono in corso accertamenti anche della polizia municipale.Tecnicamente, la cessione anche momentanea verso terzi della card di accesso al parcheggio non può essere adottata. Eppure, questo malcostume appare a dir poco diffuso e ha portato a diverse segnalazioni giunte pure in municipio. Non solo. A quanto pare, c’è anche un illegale introito ulteriore per le strutture extralberghiere. Che si fanno pagare in contante la cessione temporanea dell’abbonamento per il parcheggio Lauro. Insomma, una marea di irregolarità che stanno facendo discutere.Sul punto, guidata dal sindaco Giuseppe Cuomo, l’amministrazione comunale sta provvedendo a fronteggiare il problema.Tanto da aver deciso di provvedere quanto prima all’installazione di un sistema 2.0 capace di leggere le targhe dei veicoli in tempo reale. Così il comando di polizia municipale di Sorrento e i responsabili comunali che lavorano presso il parcheggio avranno la possibilità di verificare che tutto si snodi correttamente. In caso di utilizzo erroneo della card, si interverrà sul punto applicando tutte i provvedimenti possibili già inseriti nel disciplinare dell’avviso pubblico che portò l’anno scorso al rilascio di nuovi abbonamenti per l’accesso al parcheggio Correale.«Trasmetteremo una comunicazione a tutti gli operatori extralberghieri di Sorrento in cui solleciteremo di non cedere le card del parcheggio ai turisti – ha detto in un comunicato stampa Sergio Fedele, delegato dell’associazione Abbac – Purtroppo si starebbe verificando questa abitudine, addirittura facendo pagare ai turisti importi altissimi per poter usufruire di tale card. È molto grave, soprattutto per il danno che si crea ai tanti residenti che non riescono ad ottenere l’abbonamento per mancanza di posti. Gli operatori extralberghieri devono essere in prima linea per contrastare ogni forma di illegalità, abusivismo e soprattutto devono evitare qualsiasi comportamento che determini danni ai residenti. Siamo sempre stati e sempre saremo in prima linea per difendere il sistema extralberghiero che rappresenta un settore economico determinante per il nostro territorio. Siamo in prima linea nella indispensabile lotta e contrasto alle strutture irregolari e abusive. E siamo in prima linea per sensibilizzare gli operatori a svolgere attività che non determinò problemi e danni ai residenti. Occorre una crescita qualitativa e culturale per dare forza al nostro sistema d’accoglienza».