Alberto Dortucci

Appalti & tangenti a Torre del Greco, ora Palomba non può «fuggire» dal processo

Alberto Dortucci,  

Appalti & tangenti a Torre del Greco, ora Palomba non può «fuggire» dal processo

Salerno. Tenta di sgozzarsi davanti albero di Natale: è grave
Intervista a Don Alfonso. Le ricette per salvare l?ambiente e la salute

Torre del Greco. Mazzette per pilotare gli appalti pubblici, il sindaco Giovanni Palomba individuato dalla procura di Torre Annunziata come «persona offesa». A un mese esatto dalla mancata costituzione del Comune come parte civile nel processo ai boss di camorra accusati di controllare gare e bandi attraverso il proprio «gancio» in municipio, dunque, lo storico figlioccio della Dc all’ombra del Vesuvio avrà una seconda opportunità per presentare il «conto dei danni» a Ciro Vaccaro – l’imprenditore finito in carcere a giugno del 2019 e oggi sottoposto agli arresti domiciliari – e ai politici e ai colletti bianchi travolti dall’inchiesta coordinata dal pubblico ministero Giuliana Moccia. Stavolta, tuttavia, non si tratta di una scelta «etica» o «morale» bensì di una sorta di «obbligo» a difendere l’onore e l’immagine della città. Certificato da un atto ufficiale firmato dall’ufficio del gip Valeria Campanile del tribunale di Torre Annunziata.

La frenata del sindaco

Eppure, a caldo, il primo cittadino non sembra mostrare la stessa determinazione sfoggiata in occasione dello scempio di Capodanno in via Fontana: «Fate come il sindaco – la sfuriata affidata a un discutibile messaggio audio divulgato attraverso i social – Denunciate chi offende il decoro della nostra città». Completamente differente, invece, il tono utilizzato per commentare l’ultima tegola giudiziaria capace di scuotere gli ambienti di palazzo Baronale: «Non ho letto alcuna carta relativa al procedimento, sono cose di cui si occupa l’ufficio legale del Comune», la prima risposta alle domande sulle future mosse dell’ente di palazzo Baronale. Inutile, poi, sollecitare un «indirizzo politico» vista la delicatezza delle ipotesi di reato: «Sono cose da avvocati, c’è tempo fino a metà aprile per le valutazioni del caso». Insomma, chi si aspettava una levata di scudi sarà rimasto deluso.

+++ leggi l’articolo completo OGGI in edicola su Metropolis Quotidiano +++

©riproduzione riservata