Torre del Greco, il rione del sindaco Palomba trasformato in discarica per la plastica

Alberto Dortucci,  

Torre del Greco, il rione del sindaco Palomba trasformato in discarica per la plastica

Salerno. Tenta di sgozzarsi davanti albero di Natale: è grave
Intervista a Don Alfonso. Le ricette per salvare l?ambiente e la salute

Torre del Greco. In varie occasioni il sindaco non ha esitato a incolpare i «cittadini incivili» per i cumuli di rifiuti spuntati in diversi quartieri della città. Stavolta, invece, Giovanni Palomba non potrà puntare l’indice contro i «trasgressori della differenziata» per spiegare lo scempio registrato proprio all’interno del suo quartiere.

Perché l’immondizia depositata in via monsignor Felice Romano – proprio davanti al portone d’ingresso dello stabile in cui abita il primo cittadino – era in larga parte composta da sacchetti di plastica, come previsto dal calendario della riciclata. Eppure, alle 12.25 la discarica a cielo aperto era in «bella mostra» lungo il marciapiede. Con buona pace della pulizia e dell’igiene. «Qui la ditta raccoglie la plastica sempre nel pomeriggio», raccontano i residenti del rione.

Insomma, un vero e proprio paradosso nonché uno «schiaffo» a chi differenzia correttamente i rifiuti per evitare disagi e problemi. Eppure nessuno – a partire dal sindaco, il «paladino» di via monsignor Felice Romano – si preoccupa di chiedere alla ditta Buttol, il colosso ambientale incaricato dei servizi Nu, le ragioni della raccolta «a scoppio ritardato» e del conseguente scempio capace di mortificare gli sforzi dei «cittadini civili» indicati come esempio dallo storico figlioccio della Dc all’ombra del Vesuvio.

©riproduzione riservata