Raffica di furti nelle abitazioni di Angri. Cittadini esasperati, ipotesi ronde

Vincenzo Lamberti,  

Raffica di furti nelle abitazioni di Angri. Cittadini esasperati, ipotesi ronde

Una serie di colpi in casa che stanno preoccupando i cittadini angresi. Negli ultimi giorni l’attenzione è aumentata soprattutto nella parte della città al confine con Scafati. Tra il 4 e il 5 febbraio l’ultimo colpo in ordine di tempo. In via Palmentello ignoti hanno agito senza alcun distrubo mentre i proprietari dell’abitazione erano al piano di sotto. Nella periferia nord, proprio quella al confine con Scafati, l’ultimo tentativo di furto risale a due settimane fa. In quella circostanza il ladro venne sorpreso dai proprietari, pestato e costretto a scappare. Le denunce, in queste settimane, sono continuate soprattutto da parte dei residenti che non tollerano gli episodi di violenza e di intrusione che si stanno verificando in numerose abitazioni. Da qualche parte, sui social, c’è già chi inizia a chiedere la presenza d ronde di cittadini che, soprattutto in periferia, possano controllare la situazione e riuscire a dare l’allarme. Un fenomeno quello delle ronde che, però, le amministrazioni comunali ma anche le forze dell’ordine guardano sempre con sospetto perché potrebbero nascondere anche i tentativi di auto difesa e uscire dall’alveo della tutela democratica della proprietà. Ma gli allarmi che, incessante- mente si stanno moltiplicando sul territorio destano preoccupazione anche nel lato scafatese del territorio. Secondo gli investigatori, infatti, sarebbe in azione una banda organizzata e specializzata nei furti negli appartamenti. Una gang che, ad esempio, sarebbe stata vista in azione già in altri comuni limitrofi come Santa Maria la Carità e Sant’Antonio Abate. Un gruppo di delinquenti le cui “gesta” sono state inquadrate anche dalle telecamere di sorveglianza di alcune abitazioni che erano finite nel mirino. Non è escluso dunque che, dopo aver esaurito gli obietti- vi in quelle zone, la banda di sia spostata anche tra Angri e Scafati dove, soprattutto nei quartieri più periferici la tranquillità della vita disegna zone perfette per agire e mettere a segno colpi nelle abitazioni. Le amministrazioni comunali, comunque, non stanno a guardare. Cosimo Ferraioli, sindaco di Angri, secondo quanto riportato da “Agro 24” avrebbe intenzione di convocare al più presto un vertice con le forze dell’ordine. Vigili urbani, carabinieri e anche uomini della polizia di Stato seduti allo stesso tavolo dell’amministrazione comunale per ragionare su una strategia di contrasto al fenomeno dei furti in casa e dei colpi in villa. Uno dei primi consigli che già è stato dato alle famiglie che vivono in zone periferiche e poco abitate è quello di agevolare le comunicazioni tra famiglie, scambiarsi in- formazioni, cercare di uscire dall’isolamento anche territoriale di alcuni quartieri. Nei prossimi giorni, dunque, si dovrebbe tenere questa conferenza allargata anche alle associazioni cittadini che si occupano di sicurezza. Anche sul lato scafatese, ad ogni modo, l’amministrazione comunale sarà impegnata per cercare di trovare una soluzione al problema.