Il ritorno di Telegaribaldi, a Pompei le nuove maschere di D’Angiò e De Luca

metropolisweb,  

Il ritorno di Telegaribaldi, a Pompei le nuove maschere di D’Angiò e De Luca

Pompei. Rubano reperti dagli Scavi: «Siamo pentiti, scusateci». Torneranno in Francia tra dieci giorni
Pompei: salute, famiglia e lavoro nelle preghiere dei fedeli

Rocco Traisci.

Il ritorno di una mitica coppia che ha rivoluzionato non solo la comicità napoletana ma anche il modo di fare televisione. Telegaribaldi fu un esperimento low-fi che a metà anni ‘90 lanciò molti attori di teatro brillante come Rosalia Porcaro e Biagio Izzo, il conduttore radiofonico Gianni Semioli, l’indimenticata sorella Loredana, ma soprattutto Lino D’Angiò e Alan De Luca, in scena al teatro Di Costanzo Mattiello di Pompei da venerdì 28 febbraio a domenica 1 marzo 2020 con uno spettacolo che rievoca vecchi e nuovi tormentoni.“Non sarà uno spettacolo revival ma un ritorno a quello stile che rese popolari quei personaggi. Infatti lo show si chiama ‘Tutta colpa di tele… Garibaldi’, da cui tutto partì, compreso le nostre carriere e l’amicizia che ancora ci lega”, confessa Lino D’Angiò, uno dei primi imitatori comici apparsi in tv, iniziatore di un genere che ha soppiantato il cabaret e si smarca dalle trappole emulative della stand up comedy americana. “I personaggi sopravvissuti sono l’impresario cialtrone Guardascione interpretato da Alan, tra tammurriata moderna, lezioni di puteolano/torrese e consigli di cucina tamarra, poi ci saranno Nino D’Angelo, il parcheggiatore Geppino (“hai capito chello che dico io?”) fino al cantante neomelodico Ciruzzo Tozzi e un Bassolindo ormai in pensione, costretto a passare le giornata a guardare i cantieri di via Marina con un pizzico di nostalgia”.Tante invece le nuove maschere, a partire dall’allenatore del Napoli Rino Gattuso, lo scrittore Maurizio De Giovanni, Gigione e un Vincenzo De Luca al culmine del suo ‘sovranismo’: “Il governatore si presenterà in scena con i vessilli dell’imperatore romano, a capo della ‘legione Campania’, mentre De Laurentiis e Sarri litigheranno ancora, sotto bandiere diverse, Peppino Di Capri sarà Peppino Di Capua e canterà ‘Campagne’, rivisitazione casereccia della famosa ‘champagne’. Infine un mio pallino: Stanlio e Ollio in versione napoletana, ma è una sorpresa, non voglio aggiungere altro”.