Controlli anti-virus: tende negli ospedali di Sorrento e Stabia

Vincenzo Lamberti,  

Controlli anti-virus: tende negli ospedali di Sorrento e Stabia

In tutta Italia sono 309 le tensostrutture montate fuori dagli ospedali per permettere un triage ai casi sospetti di coronavirus, limitando il rischio di contagio, e permettendo di organizzare percorsi protetti pazienti. Nelle strutture dell’Asl Napoli 3 Sud le tende, ieri pomeriggio, sono state montate al San Leonardo di Castellammare, al Santa Maria la Misericordia di Sorrento e al Santa Maria della Pietà di Nola. Nel Salernitano, invece, l’ospedale di Sarno ha visto ieri l’allestimento delle tensostrutture mobili. La separazione dei due percorsi facilita l’attività del personale, abbreviando i tempi necessari alla presa in carico. Le tende per il triage infettivologico sono una delle disposizioni dell’Unità di crisi della Protezione civile e servono ad accogliere solo i pazienti con sintomi sospetti: tosse, febbre, difficoltà respiratorie. A Castellammare, grazie anche la lavoro della Ross, già da ieri sono state operative. Ed anche se i vertici dell’ospedale sperano possano essere vuote per molto tempo, si tratta di una prima risposta in termini operativi contro la diffusione del contagio. Negli ospedali Maresca di Torre del Greco e Sant’Anna di Boscotrecase, invece, approfittando delle numerose stanze ancora vuote, la direzione generale ha disposto che queste ultime siano utilizzate per le attività di prevenzione anti contagio. Saranno istituiti dunque dei reparti in cui si dovranno effettuare controlli preventivi. Intanto continuano i controlli e i tamponi sui casi sospetti. A San Giorgio a Cremano il sindaco Zinno ha deciso di riapre le scuole dopo il decreto del governo che di fatto ha reso inapplicabile la sua ordinanza. A Ercolano, Torre del Greco e Castellammare ieri lotta contro le fake news dal momento che nessun caso positivo è stato ufficializzato dall’Istituto superiore della sanità. Intanto, due cittadini di Pomigliano d’Arco, che erano in quarantena per eventuale rischio di contagio, sono risultati negativi dopo aver effettuato il tampone; per una terza persona, attualmente in quarantena, si è in attesa dei risultati che giungeranno oggi. Intanto la Regione è pronta a lanciare l’offensiva anche nei confronti della crisi economica. Si è riunito ieri, convocato dal presidente della Regione Vincenzo de Luca, il tavolo operativo al quale hanno partecipato le associazioni elle categorie produttive della Campania, per analizzare e affrontare le criticità che stanno emergendo nei comparti economici in relazione alla epidemia di coronavirus. Alla riunione ne seguiranno altre, direttamente collegate all’evoluzione della situazione generale. E’ stato affrontato specificamente anche il problema delle ripercussioni che si potranno registrare per il turismo già in questi giorni oltre che nelle prossime settimane e mesi. Saranno intraprese tutte le iniziative per sostenere e rilanciare il settore turistico e alberghiero, anche con una campagna promozionale. Su questo fronte De Luca ha anche annunciato l’importanza di una iniziativa comune che coinvolgerà tutti gli operatori, affidando a personalità del mondo della cultura e dello spettacolo uno spot per promuovere l’immagine di Napoli e della Campania sulla scena internazionale.