Trasparenza, giallo nomine: Anac bacchetta il Comune di Sorrento

Salvatore Dare,  

Trasparenza, giallo nomine: Anac bacchetta il Comune di Sorrento

Una vera e propria bacchettata. E’ quella che l’Autorità nazionale Anticorruzione rivolge al Comune di Sorrento a proposito del valzer di nomine del nucleo di valutazione. A pesare sui controlli portati avanti dall’Anac è una segnalazione di alcune settimane fa avanzata dal movimento civico “Conta anche tu” guidato dal coordinatore Francesco Gargiulo, fresco di annuncio di candidatura a sindaco. Nel mirino c’è il doppio ruolo ricoperto dal segretario generale del Comune di Sorrento, Elena Inserra, che ricopre gli incarichi di presidente del nucleo di valutazione comunale e responsabile dell’anti-corruzione. Per l’Anticorruzione, non va bene e bisogna dividere funzioni e nominati. In cinque pagine di parere a firma del presidente facente funzioni dell’Anac, Francesco Merloni, si rilevano dunque criticità procedurali all’interno dell’iter condotto dall’amministrazione municipale di Sorrento. Tanto che si auspica un’inversione di marcia per porre fine al cumulo di incarichi. E’ chiaro che, come rileva l’Autorità nazionale Anticorruzione, la contestazione del movimento “Conta anche tu” si rileva fondata poiché il funzionario che ricopre due ruoli si «troverebbe nella veste di controllore e controllato, in quanto in qualità di componente del nucleo di valutazione, è tenuto ad attestare l’assolvimento degli obblighi di pubblicazione, mentre in qualità di responsabile anche della trasparenza è tenuto a tenere stabilmente un’attività di controllo proprio sull’adempimento dei suddetti obblighi da parte dell’amministrazione con conseguente responsabilità in caso di omissione».

Il sindaco uscente Giuseppe Cuomo ha anche presentato delle controdeduzioni. Ma secondo l’Anac non si ravvisano gli estremi per non disporre una revoca del doppio incarico visto che non ricorrono le condizioni previste. Che sarebbero: impossibilità di tenere distinti i ruoli, piccoli Comuni, la non nomina nella qualità di presidente nel nucleo di valutazione. Requisiti che per quanto riguarda Sorrento e il funzionario Inserra ad avviso dell’Anticorruzione non sembrano sussistere. Cuomo ha anche evidenziato all’Anac che la dirigenza del Comune di Sorrento «a causa dei pensionamenti intervenuti, si è ridotta ad una sola unità a tempo indeterminato di profilo professionale tecnico, e ulteriori due unità a tempo indeterminato di cui una soltanto di profilo amministrativo con ovvia difficoltà di individuazione di adeguato sostituto». In tal senso l’amministrazione comunale ha inteso mantenere ancora l’assetto prestabilito. Per l’Anticorruzione, Sorrento non rientra nei «piccoli Comuni» e quindi la condizione non considerata corretta va evidentemente rimossa. A questo punto è partita una raccomandazione in cui si invita l’amministrazione a rimediare quando ci sarà l’acquisizione «all’organigramma dell’ente di idonea professionalità». Chiaramente che lo “status quo” è destinato a proseguire per almeno qualche altra settimana. Sono ancora in corso le selezioni e gli esami per assumere un nuovo comandante della polizia municipale e un responsabile del primo dipartimento comunale che possa fungere da rimpiazzo all’ormai ex dirigente oggi in quiescenza Antonino Giammarino. Per chiarire: il segretario Inserra è anche stato nominato da Cuomo quale reggente ad interim di diversi dipartimenti dell’ente. Insomma, l’emergenza si tocca con mano.