Il Comune di Sorrento torna ad assumere 80 candidati per un solo posto

Salvatore Dare,  

Il Comune di Sorrento torna ad assumere 80 candidati per un solo posto

Un solo posto a disposizione. Un unico contratto con rapporto di lavoro a tempo pieno e indeterminato. Una grossa opportunità per il tanto agognato “posto fisso” che, specialmente di questi tempi, rappresenta una chance importante per via del dramma occupazionale che si registra anche a causa dell’emergenza Covid 19. L’assunzione prevista dal Comune di Sorrento è quella per la copertura di un posto di istruttore direttivo amministrativo, categoria C. La procedura è ripartita ufficialmente nei giorni scorsi dopo la pausa obbligata dovuta al lockdown. Al municipio di piazza Sant’Antonino sono pervenute 79 candidature, tutte in regola. Nessuno è stato escluso e nel corso dei prossimi giorni la selezione entrerà definitivamente nel vivo. Ci sono in corsa professionisti di tutta la Campania e non solo.

Da Monza a Torre del Greco, da Napoli a Torino, passando per Salerno, Benevento, area vesuviana e ovviamente tutte le località della penisola sorrentina. L’amministrazione comunale guidata dal sindaco Giuseppe Cuomo, oltre all’ammissione dei 79 candidati, ha anche nominato la commissione esaminatrice dell’intera procedura concorsuale. L’organo risulta essere composto dall’ingegnere Alfonso Donadio (dirigente del quarto dipartimento del Comune, presidente), la dottoressa Silvana Gargiulo (istruttore direttivo dell’ufficio commercio, componente) e l’ingegnere Gennaro Ferrara (istruttore direttivo dell’ufficio anti abusivismo, componente). Le funzioni di segretaria della commissione verranno svolte dalla dottoressa Maria Rosaria Esposito, istruttore direttivo del Comune di Sorrento. Non finisce qui. C’è stato anche il semaforo verde per far ripartire tutte le altre selezioni per ulteriori assunzioni da dover effettuare nel corso dei prossimi mesi. Nel dettaglio, a stretto giro, ripartiranno le procedure per reclutare almeno quattro dipendenti amministrativi. Oltre a questa selezione, deve tuttora essere concluso con la proclamazione del candidato “vincitore” il concorso per l’assunzione a tempo indeterminato del nuovo comandante della polizia municipale. Non va dimenticato che già a gennaio, la giunta guidata dal sindaco Giuseppe Cuomo approvò come di consueto il piano di fabbisogno del personale. Con una delibera ci fu l’ok per l’assunzione di un istruttore amministrativo, categoria C1 con rapporto di lavoro pieno ed indeterminato. A seguire, spazio all’ingaggio sempre con concorso pubblico di sei istruttori di vigilanza, categoria C1. Il tipo di incarico sarà a tempo parziale al 50 per cento dell’orario di servizio ordinario ed indeterminato. Quindi i quattro possibili nuovi istruttori direttivi del settore amministrativo, categoria D1, contratto con rapporto di lavori a tempo parziale al 50 per cento dell’orario di servizio ordinario ed indeterminato, il cui concorso riprenderà proprio in questi giorni.

A ciò si aggiunge pure il concorso per assumere innanzitutto il nuovo dirigente comunale del primo dipartimento visto che il funzionario Antonino Giammarino – nel frattempo rimpiazzato dalla segretaria generale dell’ente Elena Inserra – ha deciso di andare definitivamente in pensione lo scorso autunno. Senza dimenticare che, parlando di dipartimenti chiave, attualmente il comando di polizia municipale è sprovvisto di un funzionario. Il colonnello Antonio Marcìa, da mesi, è in quiescenza (ha aderito al provvedimento Quota 100) e al suo posto si cerca un successore.