Tiziano Valle

Tragedia in sala parto a Vico. Feto nato morto, c’è l’inchiesta

Tiziano Valle,  

Tragedia in sala parto a Vico. Feto nato morto, c’è l’inchiesta

Tragedia durante il parto all’ospedale De Luca e Rossano di Vico Equense: un feto nato morto scatena la rabbia di una famiglia di Castellammare di Stabia, che disperata chiede spiegazioni a medici e infermieri. Un dolore insopportabile che inevitabilmente fa alzare il livello della tensione in corsia e prima che la situazione potesse degenerare sul posto arrivano i carabinieri, che cercano di sedare gli animi e fanno partire le indagini sulla morte sospetta. La tragedia s’è consumata ieri poco dopo le 14. La donna – madre già di due bambini – è entrata in sala operatoria per dare alla luce il suo terzogenito. All’esterno, ad attendere, i suoi cari: una famiglia del rione Licerta, nel cuore del centro antico di Castellammare di Stabia. Qualcosa va storto. Il feto nasce già morto e in un primo momento sembrano complicarsi anche le condizioni della partoriente che viene subito assistita dall’equipe medica. Quando la notizia arriva nella sala d’attesa dell’ospedale De Luca e Rossano, dove sono i familiari della donna, si scatena la rabbia dei parenti. Un dolore immane che spazza via quel clima di attesa per una nuova nascita che avrebbe dovuto portare nuova gioia in famiglia. La tensione è altissima e vengono allertati i carabinieri.

All’ospedale di Vico Equense arrivano i militari della compagnia di Sorrento, agli ordini del capitano Ivan Iannucci che raccolgono la denuncia della famiglia di Castellammare di Stabia che ora vuole vederci chiaro su quanto accaduto in sala parto, perché prima di quel momento nulla aveva lasciato presagire a un epilogo tanto drammatico. E adesso toccherà agli inquirenti provare ad accertare cosa è successo e le eventuali responsabilità dei camici bianchi. La Procura della Repubblica di Torre Annunziata ha aperto un fascicolo sul feto nato morto all’ospedale di Vico Equense, disponendo il sequestro della salma del piccolo e l’autopsia per accertare le cause del decesso. I primi passi dell’inchiesta affidata ai carabinieri della compagnia di Sorrento passano dall’acquisizione degli atti relativi al ricovero della mamma stabiese.

I militari hanno acquisito le cartelle cliniche, gli ordini di servizio dei medici che l’hanno visitata oltre a identificare l’intera equipe presente in sala parto al momento della tragedia. Al momento nessuno figura iscritto nel registro degli indagati, anche perché a seconda di quelli che saranno i primi riscontri l’inchiesta potrebbe essere allargata anche ai giorni che hanno preceduto il drammatico epilogo con l’obiettivo di verificare se sono stati eseguiti correttamente tutti gli esami necessari prima del parto. Già nelle prossime ore, gli investigatori dovrebbero ascoltare anche medici e infermieri presenti in sala operatoria. Un’indagine necessaria dunque per far luce sulla tragedia che si è consumata ieri pomeriggio all’ospedale De Luca e Rossano di Vico Equense, soprattutto per dare risposte a una famiglia distrutta dal dolore. La madre, ancora sotto shock per quanto accaduto, avrebbe dovuto dare alla luce il suo terzo figlio. Una gioia spazzata via in pochi istanti e per cause che ora bisognerà accertare.