Tiziano Valle

Lite alla partita di calcetto. Dodicenne ferito a coltellate

Tiziano Valle,  

Lite alla partita di calcetto. Dodicenne ferito a coltellate

CASTELLAMMARE DI STABIA – Una partita di calcetto tra amici rischia di trasformarsi in una tragedia. Prima vola qualche parola di troppo, poi gli spintoni e infine spunta un coltello. Una vicenda ancora più grave se si considera che a finire in ospedale è un ragazzino di appena 12 anni e il suo aggressore – presumibilmente – ne ha appena qualcuno in più. E’ il grave episodio accaduto mercoledì sera alla periferia di Castellammare di Stabia, in un campo di calcetto in via Fossa Luna. Sul caso stanno indagando gli agenti del commissariato stabiese agli ordini del primo dirigente Pietro Paolo Auriemma, che hanno acquisito il referto dell’ospedale San Leonardo, la testimonianza della vittima e spedito gli atti alla Procura per i minorenni che ha aperto un fascicolo d’inchiesta.

Secondo una prima ricostruzione: un gruppo di amici – tutti ragazzini tra i 12 e i 14 anni della periferia di Castellammare di Stabia – stanno disputando una partita di calcetto nella piccola struttura sportiva alla periferia della città quando arriva un altro coetaneo e comincia a discutere con i giovanissimi in campo.

Per cause ancora da accertare la situazione degenera e dalle prime battute si passa agli insulti e successivamente a qualche spintone. La tensione aumenta e alla fine uno dei ragazzini decide di passare alle vie di fatto. Si procura un coltellino, lo punta contro la vittima e poi tenta di colpirlo. Due fendenti vanno a segno, alla schiena, ma per fortuna solo di striscio. Le ferite non sono gravi, ma il ragazzino viene trasferito al pronto soccorso dell’ospedale San Leonardo per le cure del caso. I medici del presidio di Castellammare di Stabia suturano le ferite del dodicenne e lo dimettono con otto giorni di prognosi.

Sul posto arrivano gli agenti del commissariato di polizia che fanno partire le indagini: acquisiscono il verbale del pronto soccorso e raccolgono la testimonianza della vittima, poi eseguono un sopralluogo sul campo di calcetto. Gli inquirenti adesso stanno cercando di risalire all’identità dell’aggressore che – come detto – dovrebbe essere coetaneo della vittima e ricostruire la dinamica dell’episodio.

Una vicenda grave se si considerano soprattutto le possibili conseguenze della lite. Una partita di calcetto tra amici, soprattutto a questa età, dovrebbe rappresentare un momento di divertimento e spensieratezza. Ma se un minore va al campo sapendo di poter avere a disposizione un coltello c’è qualcosa che non va.

Purtroppo anche nel recente passato a Castellammare di Stabia si sono registrati episodi di violenza che hanno visto protagonisti dei ragazzini, in particolare per quanto riguarda le aggressioni in villa comunale ai danni di coetanei. E spesso anche le forze dell’ordine sono state costrette a ricostruire vicende dove i protagonisti, in negativo, sono stati minorenni che purtroppo arrivano dai rioni difficili della città.

Uno scenario che potrebbe essere lo sfondo anche di quanto accaduto mercoledì sera sul campo di calcetto della periferia di Castellammare di Stabia. Dove un dodicenne ha rimediato due coltellate alla schiena che solo per fortuna non hanno provocato conseguenze peggiori.