Daniele Gentile

Imboscata fuori al pub a Portici: pestato a colpi di casco dopo una lite tra bande

Daniele Gentile,  

Imboscata fuori al pub a Portici: pestato a colpi di casco dopo una lite tra bande

Portici. Si è consumato tutto in pochi istanti, capaci di fare scattare una nuova emergenza all’ombra della Reggia: l’incubo aggressioni. Perché a finire alla mercé di alcuni teppisti è toccato a un giovane di soli 20 anni. Secondo la prima ricostruzione dei fatti, intorno alle 4:30 del mattino – all’esterno di un pub della movida al corso Garibaldi – il ragazzo è stato raggiunto da due giovani in sella a uno scooter che, armati di casco, lo hanno brutalmente assalito. Le ferite riportate dal giovane hanno richiesto il ricovero ospedaliero, ma non è in pericolo di vita. Secondo i camici bianchi dell’ospedale Cardarelli – la struttura sanitaria dove è stato accompagnato d’urgenza – dovrebbe essere dimesso in pochi giorni. La vittima nella violenta colluttazione avrebbe subito un colpo alla testa che ha richiesto l’intervento dei medici.

L’aggressione

A indagare sull’episodio, i carabinieri della stazione di via Poli. I militari dell’Arma sono stati allertati dai residenti della zona che hanno assistito all’intera scena di violenza. Giunti sul posto insieme al 118, i carabinieri non hanno trovato alcuna traccia degli aggressori che dopo il pestaggio si sono rapidamente defilati proprio per evitare di fare i conti con la legge. Tuttavia, i militari dell’Arma hanno potuto ricostruire l’episodio di violenza grazie a diversi passanti e al giovane che avrebbe riferito, in un primo momento, di non essere a conoscenza dell’identità degli assalitori. Tuttavia, i motivi che avrebbero portato all’aggressione sarebbero riconducibile a un futile litigio – verosimilmente legato a una ragazza – tra due comitive. Così, a notte fonda, i rivali hanno teso un’imboscata all’esterno del pub al giovane che nel frattempo era praticamente rimasto solo. L’ennesimo episodio grave a Portici accende i riflettori su un momento particolarmente difficile nella città della Reggia. Infatti, non solo sono aumentati i fenomeni legati alla microcriminalità, ma anche gli episodi di violenza. In particolare – come hanno denunciato i residenti di corso Garibaldi – proprio al pub dove si è verificata l’ultima aggressione, appena due mesi fa un altro episodio aveva sconvolto il quartiere: una rissa tra giovani sfociata nel sangue, con feriti gravi.

L’ira dei cittadini

Non è tardata ad arrivare una dura replica di chi tutte le notti fa i conti con la movida selvaggia: «Alle 4.30 del mattino, unico locale aperto a quest’ora e soliti casini – spiega M.S. residente del posto -. L’ennesimo episodio di violenza sempre consumato dai soliti clienti. Un ragazzo aggredito con dei caschi da motorino da due ragazzini, una scena vista anche pochi mesi fa: testa rotta, motorino rotto, ma questa volta nessuno si aspettava che la vittima chiamasse i carabinieri e facesse la denuncia, nessuno lo ha soccorso. Sono scappati tutti come i ladri. Purtroppo questo accade a Portici, in una zona residenziale dove ormai si sono perse tutte le regole e il rispetto civico».

©riproduzione riservata