Salvatore Dare

Svolta elettorale a Piano di Sorrento, l’ex sindaco Ruggiero pensa al terzo mandato

Salvatore Dare,  

Svolta elettorale a Piano di Sorrento, l’ex sindaco Ruggiero pensa al terzo mandato

Piano di Sorrento. La tentazione c’è. E da diversi mesi. Anche perché il diretto interessato è sottoposto a un vero e proprio forcing di alleati storici e pure qualche consigliere comunale uscente. Giovanni Ruggiero potrebbe decidere di tornare in campo alle prossime elezioni. A Piano di Sorrento si tornerà alle urne giusto tra un anno quando scadrà il mandato del primo cittadino Vincenzo Iaccarino.

Per la verità è da mesi che si sussurra dell’ipotesi di una ricandidatura del professore Ruggiero. E il diretto interessato non ha mai decisamente chiuso a questa possibilità. D’altronde, prima che esplodesse la pandemia da Covid 19, aderì alla nascita del movimento civico “Piano forte”, che tra i fondatori annovera pure il nome dell’avvocato Anna Iaccarino, ex esponente dell’opposizione che alle Comunali 2016 decise di farsi da parte e non ricandidarsi. Ora potrebbe per Ruggiero presentarsi la chance adeguata per riprovare un’esperienza politica, sempre in prima persona. E, salvo improbabili colpi di scena, ancora nelle vesti di aspirante alla carica di primo cittadino di Piano di Sorrento. Ruggiero ha indossato la fascia tricolore per dieci anni consecutivi – dal 2006 al 2016 – e proprio in queste settimane è indicato come un possibile avversario dell’uscente Iaccarino. Tra coloro che, qualora ci fosse per davvero la ricandidatura a sindaco dell’ex primo cittadino, potrebbe considerare una nuova iniziativa amministrativa, indubbiamente è Salvatore Cappiello. L’imprenditore, che è stato anche capogruppo di maggioranza di Ruggiero, è uno degli amici più sinceri dell’ex fascia tricolore di Piano di Sorrento. E molti osservatori lo vedevano come un potenziale successore.

Invece non se n’è fatto praticamente nulla e alle Comunali 2016 non si sono presentati agli elettori. Senza dimenticare che anche Cappiello, mesi fa, si è detto vicino al movimento “Piano forte” tanto da confermare – proprio in un’intervista rilasciata a Metropolis – che non è da escludere un futuro nuovo impegno per la città di Piano di Sorrento. Dal suo canto, alla luce di tante indiscrezioni, Iaccarino prosegue a lavorare sodo cercando di raggiungere due obiettivi importanti per il suo mandato. Il primo è la conclusione degli interventi per realizzare centinaia di loculi al cimitero comunale: un’opera mai iniziata con Ruggiero e che è stata sbloccata proprio dalla giunta Iaccarino. Il secondo progetto clou riguarda Ponte Orazio, dove nel 2017 ci fu uno smottamento e si avverte l’esigenza di rimettere in sicurezza il costone tufaceo e ricostruire parzialmente il tratto di arteria venuto giù all’improvviso, fortunatamente senza procurare vittime o ferimenti. Da capire se tutti gli attuali esponenti della minoranza giocheranno un ruolo preciso verso le Comunali dell’anno prossimo. Salvatore Mare, del Movimento Cinque Stelle, si ricandiderà? E che farà il movimento Podemos, guidato dall’ex assessore Raffaele Esposito?