Castellammare. Il terrore di una famiglia: “Il clan Cesarano ci ha murati vivi in casa”

Castellammare. Il terrore di una famiglia: “Il clan Cesarano ci ha murati vivi in casa”


«Non sto mandando neanche più i miei figli a scuola. Davanti al cancello passano motorini e macchine che non conosciamo a tutte le ore. E se vengono qui che facciamo?». Una famiglia ostaggio della camorra, terrorizzata dal clan Cesarano e dalle conseguenze di un’eventuale denuncia nei confronti dell’esattore del pizzo che – secondo l’accusa – era arrivato a massacrare un giovane imprenditore per riscuotere un presunto credito di 6mila euro. Le intercettazioni raccolte nell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Napoli a carico di Santolo Martone, genero del boss Vincenzo Cesarano, raccontano di una famiglia terrorizzata dalla cosca di Ponte Persica. 

+++L’ARTICOLO COMPLETO OGGI SU METROPOLIS QUOTIDIANO+++