Massacrata con calci e pugni, rompe il naso alla compagna

Andrea Ripa,  

Massacrata con calci e pugni, rompe il naso alla compagna

Lite nel cortile del condominio, Machach aggredisce un vicino
Incinta, aggredita dal marito che gli frattura la mandibola. «Non mi opero, salverò il bimbo»

L’ennesima storia di amore malato, sfociato in violenza e in una scia di sangue lasciata sull’asfalto. Ancora una volta. Ancora a Terzigno, la città dei femminicidi. Un’altra donna è stata pestata dall’uomo che fino a quel momento diceva di amarla. Lei, 39 anni, fragile e indifesa, colpita violentemente con calci e pugni, è attualmente ricoverata in una stanza dell’ospedale Sant’Anna Madonna della Neve di Boscotrecase, dove è stata portata in seguito alle ferite riportate. Ha il naso rotto, oltre alle numerose lesioni sul volto e sugli arti. Lui, operaio e convivente della donna, è rinchiuso in una cella del carcere di Poggioreale. Bloccato a fatica da alcuni residenti della zona che hanno provato a frenare la sua furia. Ma non è la prima volta che accade, lei non ha mai denunciato. Forse per paura, forse per amore. Schiaffi, pugni e calci fino a domenica pomeriggio erano freme di una triste quotidianità che si tenevano nel piccolo appartamento della coppia alla periferia di Poggiomarino.

Leggi l’articolo completo su Metropolis in edicola o vai alla versione digitale http://metropolis.ita.newsmemory.com/

 

CRONACA