Video choc, studente bestemmia in classe e insulta il prof

Video choc, studente bestemmia in classe e insulta il prof


Il video dura un minuto e venticinque secondi ed e’ un concentrato di insulti e bestemmie che in un istituto superiore del Comasco uno studente di 15-16 anni rivolge al professore, in classe, davanti ai compagni ammutoliti. Il video e’ stato girato dal compagno di banco e, non si sa ad opera di chi, e’ stato pubblicato in rete il 27 gennaio scorso e sta ottenendo centinaia di visualizzazioni. E’ un video choc per la sfrontatezza, la volgarita’ e la violenza verbale del ragazzo, ma anche per la mancata reazione del docente, che dopo avere minacciato lo studente di portarlo dal preside, ha lasciato sfogare il ragazzo, alla fine interrotto da un compagno di scuola. Nel filmato, registrato con uno smartphone tenuto in verticale, non ci sono riferimenti a luoghi, ma il quotidiano La Provincia di Como ha ricostruito che la scena e’ avvenuta in un istituto superiore della provincia comasca. A scatenare la reazione dello studente e’ stata la rottura dello smartphone, che, pare di capire dal video, il ragazzo attribuisce al tentativo del professore di sequestrarglielo. “Mi devi (…) subito 120 euro, hai capito? Mi hai rotto i c…” esordisce il ragazzo, che poi infila una serie di bestemmie e di insulti verso il docente, il quale resta seduto in cattedra. In un primo momento l’insegnante minaccia di portare il ragazzo dal preside, poi cerca di interloquire (“L’avevi in mano tu il telefonino”), quindi, all’ennesima risposta volgare lascia perdere. Lo studente, in un crescendo di rabbia, mostra ai compagni i danni allo smartphone poi si alza in piedi, rovescia qualcosa dal banco e si lascia andare a una serie di insulti anche sulla statura fisica dell’insegnante e sulle sue capacita’ (“Non sai spiegare, non sai fare un c…”). La scena si conclude con un compagno di scuola che si avvicina al ragazzo dicendogli di smettere, prendendosi un improperio, dopo di che il video si interrompe. Il preside della scuola non ha voluto commentare ne’ dire se siano stati presi provvedimenti disciplinari nei confronti del ragazzo protagonista della scenata o di chi ha diffuso il filmato. Silenzio anche da parte dell’insegnante. Il video e’ stato inoltre visionato dai carabinieri: eventuali azioni penali pero’ sembrano subordinate alla presentazione di una querela di parte.