Problemi con Equitalia? Cinque regole d’oro per liberarsi dai debiti

metropolisweb,  

Problemi con Equitalia? Cinque regole d’oro per liberarsi dai debiti

L’Abc per liberarsi dal sovraindebitamento. A stilare la lista dei 5 consigli per chi si sente strozzato dai debiti con Equitalia e con le banche è l’Associazione Csi-Kronos nata dall’idea di un gruppo di professionisti (avvocati, commercialisti, consulenti del lavoro) che unendosi in tutta Italia hanno generato il Progetto Prodeitalia a servizio di pensionati, piccoli imprenditori, liberi professionisti e casalinghe in difficoltà con il pagamento di debiti. I motivi che portano al sovraindebitamento possono essere diversi ma per uscirne, si spiega, la strada da percorrere è solo una e passa attraverso la conoscenza precisa di tutte le situazioni debitorie pendenti presenti e passate. Così, l’Associazione Csi-Kronos (impegnata a far conoscere la legge 3/2012 che regola il sovraindebitamento e introduce nell’ordinamento giuridico italiano la procedura di esdebitazione) ha redatto un vademecum, 5 regole d’oro che possono rappresentare un buon inizio per arrivare alla soluzione del problema. Le regole sono:

1) Imparare a chiedere aiuto prima in famiglia o a un amico fidato e poi a professionisti competenti in grado di consigliare la strada più utile da percorrere;

2) Basta con le raccomandate non ritirate, le buste delle lettere non aperte, le ingiunzioni di pagamento nascoste nei cassetti;

3) Essere consapevoli di quello che si deve e a chi lo si deve, per esempio, andando da Equitalia e chiedendo il saldo della propria situazione debitoria;

4) Quando ci si decide a chiedere aiuto non avere paura di descrivere tutte le pendenze esistenti;

5) Non pensare mai che la propria situazione sia unica e irrisolvibile. Purtroppo in Italia sono in molti a vivere lo stesso identico calvario ed è per questo che nell’ordinamento giuridico sono state inserite leggi che possono essere di supporto.

“Andate da Equitalia, non aspettate che sia lei a rincorrervi”, suggerisce Lario Paccosi, uno dei legali del Progetto Prodeitalia. “Il primo campanello d’allarme del sovraindebitamento – spiega – è proprio la fuga dalla verità. Chi ha paura di quella condizione di sovraindebitamento che non sa più gestire tende a non voler conoscere, a nascondere e a mentire anche a se stesso, aggravando il più delle volte la propria situazione”.

“Per quanto grave possa essere la situazione – sottolinea Cristiano Guidi, un altro dei legali del Progetto Prodeitalia – non è mai irrecuperabile. Conoscendola si può evitare che peggiori e programmarne la soluzione. Se ci si rivolge ad Equitalia non si rischia nulla, anzi si può solo conoscere meglio la propria condizione debitoria. Non è evitando quello sportello che ci si può liberare dai debiti. La legge offre strumenti utili, a cominciare dalla procedura di esdebitazione che pochi conoscono ma che può rivelarsi un valido aiuto per risolvere l’indebitamento”.

CRONACA