Ciro Esposito. Vandalizzata la lapide. Il papà: “Lui vivrà per sempre”

metropolisweb,  

Ciro Esposito. Vandalizzata la lapide. Il papà: “Lui vivrà per sempre”

I genitori l’avevano vista, per la prima volta, il giorno dell’ultima udienza – una settimana fa – per il processo sulla morte del figlio. Una lapide con i versi di una poesia che i tifosi avevano voluto dedicare a Ciro Esposito, proprio laddove il 3 maggio del 2014 Daniele De Santis gli sparò. Una sparatoria che portò alla morte del giovane tifoso napoletano in trasferta per la finale di Coppa Italia tra Fiorentina e Napoli, dopo 52 giorni di agonia nella Rianimazione del Gemelli. Oggi quella lapide che qualcuno aveva installato tra le due carreggiate a Tor di Quinto, a pochi passi dall’Olimpico, è stata vandalizzata: la vernice rossa ha coperto le parole che richiamano il sacrificio di Ciro. Composto, come sempre, lo sfogo e il dolore del padre Giovanni: «Come non hanno spento la vita di mio figlio il giorno in cui gli hanno sparato, non cancelleranno mai la sua memoria con la pittura».

Ciro Esposito. Vandalizzata la lapide. Il papà:    Ciro Esposito. Vandalizzata la lapide. Il papà:

       

+++L’ARTICOLO COMPLETO SU METROPOLIS OGGI IN EDICOLA+++

CRONACA