Torre Annunziata. Confermato l’ergastolo per Onda, il sicario dei Gionta

metropolisweb,  

Torre Annunziata. Confermato l’ergastolo per Onda, il sicario dei Gionta

Fu un’eliminazione interna al clan Gionta, quella dei cognati Carlo Balzano e Angelo Scoppetta trucidati il 29 settembre 2004: ergastolo confermato a uno dei killer più spietati dei Valentini, Umberto Onda. E’ la decisione della Corte d’Assise d’Appello del Tribunale di Napoli che ha confermato la condanna a 14 anni anche nei confronti del collaboratore di giustizia Aniello Nasto detto “quarto piano” e ha ridotto, invece, l’ergastolo incassato in primo grado da Michele Palumbo, alias munnezza, pentitosi nel frattempo, a 22 anni con il riconoscimento delle circostanze attenuanti concesse ai collaboratori di giustizia. «Io volevo uccidere solo Carlo Balzano. Chi ha sparato a Domenico Scoppetta? Io e da vicino, il sangue mi schizzò la camicia. La gente in strada mi guardava. Non capivo perché, poi vidi uno specchio. Umberto Onda, solo dopo, sparò quando Scoppetta era già morto». 

+++TUTTI I DETTAGLI IN EDICOLA OGGI SU METROPOLIS QUOTIDIANO+++

CRONACA