Gelo in sala operatoria, interrotti gli interventi all’ospedale di Boscotrecase

metropolisweb,  

Gelo in sala operatoria, interrotti gli interventi all’ospedale di Boscotrecase

Boscotrecase. Impianto di riscaldamento ko, pazienti in corsia con il cappotto. Succede all’ospedale Sant’Anna e Madonna della Neve di Boscotrecase, dove il guasto di una caldaia ha trasformato i reparti in veri e propri igloo.

Un’emergenza iniziata nel week end e proseguita – a dispetto dell’allarme lanciato dagli operatori sanitari – con l’inizio della nuova settimana, quando i termostati del nosocomio di via Lenze sono scesi fino a 16°. Temperatura polare, invece, all’interno delle sale operatorie: visti i 14° raggiunti dalla colonnina di mercurio – solitamente, in sala operatoria la temperatura si dovrebbe aggirare intorno ai 20° – i responsabili del reparto cardiologia si sono visti costretti a sospendere due interventi per l’installazione di pacemaker per scongiurare qualsiasi tipo di rischio per i pazienti. 

Non solo: visti i “tempi lunghi” necessari a riparare la caldaia dell’ospedale, medici e infermieri hanno optato per la soluzione fai-da-te, l’acquisto di una serie di stufe per provare a riscaldare le divisioni finite nella morsa del gelo. Situazioni particolarmente delicate sono state registrate durante la notte – temperatura esterna sotto lo zero – all’interno del reparto di cardiologia e del reparto di chirurgia. «E’ una vicenda assurda e sconcertante – la protesta dei familiari di alcuni pazienti ricoverati nell’ospedale dei disastri – I nostri cari già vivono situazioni particolarmente delicate: non è accettabile lasciare al gelo i malati, così si mette a rischio la salute dei cittadini».

Una protesta condivisa dagli operatori sanitari, fino a oggi “illusi” dalle passerelle-spot del governatore Vincenzo De Luca: «Meno male che la sanità in Campania stava rialzando la testa – l’accusa dei camici bianchi -. Evidentemente, il presidente della Regione vive in un mondo parallelo al mondo reale. Qui le emergenze sono all’ordine del giorno e, a dispetto delle ripetute segnalazioni e richieste di intervento, nulla è stato fatto».

CRONACA