Gli alunni della camorra a Torre Annunziata. La lezione del boss: «I bimbi devono essere educati alla cattiveria»

metropolisweb,  

Gli alunni della camorra a Torre Annunziata. La lezione del boss: «I bimbi devono essere educati alla cattiveria»

Torre Annunziata. «I bambini devono crescere così, violenti, con la cattiveria». E’ l’intercettazione choc che spunta fuori dall’ordinanza che ha giovedì mattina portato in manette quattordici persone. La maxi retata che ha spedito in cella il giovane emergente del sodalizio criminale Gaetano Maresca – dissidente dei Cavalieri e per un certo periodo vicino al Terzo Sistema –  il figlio di Giuseppe, alias o’saccaro e i suoi soldati, ha visto decapitare un’altra cellula di dissidenti con la smania di potere.

Una squadra di baby-bossche aveva messo in campo una strategia del terrore facendo saltare autovetture con incendi e studiando la pratica di bombe telecomandate. Ordigni esplosivi realizzati appositamente per Gaetano o’chiatt e il suo gruppo, che dovevano essere dei veri e proprio «casatielli» per far paura, per far tremare. Ebbene in quelle trecento pagine messe nero su bianco dagli investigatori spunta anche quella frase choc che sottolinea il modus operandi e di pensiero dei soldati di Maresca.

+++ leggi l’articolo completo OGGI su Metropolis Quotidiano +++

CRONACA