Campania Libera sbarca a Pompei. Ipotesi alleanza con i moderati

metropolisweb,  

Campania Libera sbarca a Pompei. Ipotesi alleanza con i moderati

Campania Libera scende in campo a Pompei. Il movimento politico nato ufficialmente lo scorso gennaio e legato al governatore campano Vincenzo De Luca sarà presente con una propria lista anche nel comune mariano. Ieri mattina in città è arrivato Tommaso Casillo, vicepresidente del consiglio regionale della Campania e perno del nuovo partito. Nel corso del summit è stato nominato coordinatore per Pompei il consigliere comunale di Castellammare, Ciro Cascone. «Abbiamo affrontato vari temi. Unanime la decisione di essere presenti alle amministrative di Pompei», ha spiegato Cascone, «a me è stato assegnato il compito di accompagnare Campania Libera in questa delicata fase elettorale». Sono state ufficializzate alcune adesioni al movimento che sta mettendo radici in numerosi comuni e che sarà presente sicuramente a Torre Annunziata e a Portici. Ad abbracciare il progetto di Campania Libera nella città del Santuario l’ex assessore Salvatore Desiderio. Ancora, c’è l’ex consigliere Attilio Malafronte. Tra le altre adesioni Guido Faiella e Silvio Di Martino. Per il neo-coordinatore Ciro Cascone la priorità dovrà essere quella «di ricostruire il tessuto turistico, commerciale e imprenditoriale di Pompei, città che è un bene di tutti e che negli ultimi anni è stata spesso mortificata». Sul versante delle alleanze nella città degli Scavi, Campania Libera sarebbe in trattativa con il polo dei moderati. Quello che fa capo a Pasquale Vassallo, anche se non c’è ancora un accordo ufficiale. In questi giorni sono in programma diversi incontri. Se l’intesa dovesse essere siglata, il cartello dei moderati potrebbe allargarsi dalle attuali cinque liste ad almeno sette-otto alleati. Si vocifera, infatti, di un avvicinamento anche con l’Udc. Anche a Torre Annunziata il movimento di Tommaso Casillo sarà in coalizione con i moderati di Ciro Alfieri. Tuttavia, a Pompei non si esclude ancora la possibilità di un’alleanza con il centrosinistra che ha ufficializzato la coalizione formata da Pd, Alternativa Pompeiana, Amici insieme per Pompei, Democratici Riformisti, Impegno democratico, Insieme per la città, Patto per Pompei, Pompei oltre, Progetto città e Rinascita Pompei 2017. «Siamo aperti al dialogo con il Pd, non c’è alcun veto in tal senso», ha spiegato Cascone. I prossimi giorni saranno decisivi per siglare i patti verso la conquista di Palazzo de Fusco.

CRONACA