Emergenza bengalesi a Palma Campania, il caso finisce in Parlamento

metropolisweb,  

Emergenza bengalesi a Palma Campania, il caso finisce in Parlamento

Palma Campania. Un’interrogazione parlamentare sull’emergenza bengalesi a Palma Campania, è stata protocollata e firmata da Pina Castiello, l’esponente di ‘Noi con Salvini’ originaria di Afragola ha inviato una serie di domande al ministro per la salute Lorenzin sulla situazione che qualche mese fa ha visto protagonista il piccolo comune vesuviano, dove fu registrato un caso di tubercolsi. Un’interrogazione nata dalle istanze presentate dalla minoranza in consiglio comunale che ha chiesto un intervento dello Stato.
«A Palma Campania, in provincia di Napoli, come già documentato da numerosi organi di stampa, c’è una sempre più forte e diffusa emergenza igienico-sanitaria; il paese ospita la più numerosa comunità del Bangladesh in Italia e tra regolari e irregolari, il comune conta più di settemila cittadini extracomunitari sul proprio territorio a fronte di appena 15000 abitanti; in sfregio ad ogni norma igienico-sanitaria, i cittadini del Bangladesh vivono in appartamenti di pochi metri quadri a decina di unità, palesemente violando ogni indicatore di sovraffollamento delle abitazioni; negli ultimi anni diversi casi di tubercolosi hanno colpito cittadini del Bangladesh e anche gli interventi di profilassi si sono rivelati complicati da attuare a causa dell’irreperibilità dei soggetti che erano stati in contatto con i malati;
tutto ciò ha ingenerato una forte psicosi tra i cittadini di Palma Campania ed ha ormai creato una situazione insostenibile per gli abitanti palmesi;
il mercato immobiliare locale ha subito una impennata dei costi degli immobili, tutti finalizzati all’utilizzo improprio indicato; il massiccio aumento degli immigrati dal Bangladesh, è stato possibile grazie alla totale inesistenza di meccanismi di controllo, che connotato l’assenza totale di tutti gli organi dello Stato, dal comune alle Forze dell’ordine: se e quali iniziative di competenza il Governo intenda adottare, anche con il coinvolgimento dei competenti enti territoriali, perché sia garantito nel territorio di mantenimento di adeguati standard igienico-sanitari».

CRONACA