Castellammare. Racket sui videopoker: chiesti 22 anni di carcere per 3 elementi del clan Cesarano

metropolisweb,  

Castellammare. Racket sui videopoker: chiesti 22 anni di carcere per 3 elementi del clan Cesarano

Elezioni a Torre del Greco, poker di nomi sul tavolo del centrodestra. Ma Forza Italia aspetta il jolly-Palomba
Pompei. Da Biella a La Cartiera per i furti, quattro arresti

Racket sui videopoker in nome del clan Cesarano: la Dda vuole la stangata per i 3 imputati a processo. Il pubblico ministero della Direzione Distrettuale Antima a di Napoli, Giuseppe Cimmarotta ha chiesto 22 anni e 8 mesi di carcere complessivi per Gerardo Di Martino, glio del boss di Ponte Persica Gigino ‘o profeta, per il capoclan Raffaele Belviso e per Aniello Falanga. Sono tutti accusati di estorsione aggravata dal metodo mafioso. La pena più severa invocata dal pm è proprio per Raffaele Belviso, ritenuto dagli inquirenti l’uomo che ha raccolto lo scettro del comando dopo l’arresto di Luigi Di Martino.

+++ L’ARTICOLO COMPLETO SU METROPOLIS OGGI IN EDICOLA +++

CRONACA