Torre del Greco. Banconote false, la zecca era in una salumeria

metropolisweb,  

Torre del Greco. Banconote false, la zecca era in una salumeria

Angri. Sequestrati 40mila prodotti illegali
Genitore picchia il vice preside, prognosi di trenta giorni

Quarantuno milioni di euro trovati a casa di un tipografo di Torre del Greco ieri mattina, ventotto sequestrati in una stamperia a Torre Annunziata quattro mesi fa: l’area Vesuviana si conferma essere una delle “roccaforti” della falsificazione delle banconote false. Un’inchiesta parallela a quella che ha portato all’arresto del tipografo di 67 anni era stata condotta dalla guardia di finanza a inizio novembre 2017. Nel corso di quella operazione fu scoperto il giro di soldi tra le due città all’ombra del Vesuvio e la Romania. Un giro d’affari milionario che portò all’arresto di 8 persone. Il sistema messo in piedi dai fratelli Visiello, noti falsari di Torre Annunziata, e da altri imprenditori – quali Giuseppe Angelotti, Giovanni Capasso e Antonio Carillo – vedeva coinvolti anche alcuni tipografi di Torre del Greco, tra cui tale Aniello Rivieccio e suo figlio Michele. Tutti finiti al centro della maxi retata di novembre. La stamperia clandestina era nel retrobottega di una salumeria di via Roma, a Torre Annunziata. 

CRONACA