Nola. Dipendenti della ditta di pulizie protestano sul tetto dell’ospedale

Francesco Sabatino,  

Nola. Dipendenti della ditta di pulizie protestano sul tetto dell’ospedale

Gragnano. Officina meccanica fantasma, sequestrata l'attività
Torre del Greco. Condannato il piromane del Vesuvio. Lacrime in aule: "Sono innocente"

Protesta a Nola dei lavoratori della ditta di pulizie Flash srls che sono saliti sul tetto dell’ospedale per chiedere “dignita’, diritti, stipendio e il reintegro dei dipendenti licenziati per rappresaglia sindacale”. Sul tetto ci sono sette lavoratori, tra cui anche una dirigente sindacale dell’Usb che figura tra i licenziati. L’Usb chiede che “l’Anac, l’ispettorato, l’ASL e la politica tutta intervenga e metta fine a questo appalto che produce solo disservizio”. I lavoratori, che stanno gridando slogan con un megafono, hanno esposto striscioni sul tetto. La ditta Flash – che da’ lavoro a 150 dipendenti – si occupa delle pulizie negli ospedali e negli uffici dell’Asl Napoli 3 Sud. “La Flash, in una riunione con ASl Napoli 3 Sud – fa sapere Adolfo Vallini, dell’Usb – ha detto di avere risolto le proprie problematiche economiche e che quindi avrebbe pagato i suoi dipendenti. Questo non e’ accaduto, anzi ha licenziato altri lavoratori e nel frattempo sembra abbia anche assunto altro personale”.

CRONACA