Torre del Greco. Ruba in chiesa, tradito da calvizie e tatuaggio, 42enne bloccato dai carabinieri

michele imparato,  

Torre del Greco. Ruba in chiesa, tradito da calvizie e tatuaggio, 42enne bloccato dai carabinieri

E’ stato tradito dai vestiti, da un tatuaggio e dalla calvizie un 42enne arrestato dai carabinieri a Torre del Greco per tentata rapina, furti in chiesa e furti di piante. A carico di Luigi Di Donna, un 42enne già noto alle forze dell’ordine, i militari hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Torre Annunziata. Secondo quanto emerso dalle indagini dei militari, il 16 maggio l’uomo colpì nella chiesa della Madonna delle Grazie dalla cui sagrestia rubò un borsone contenente un mixer, microfoni e cavi dedicati alle attività dell’oratorio; il 17 vi tornò e scappò via in sella alla bicicletta elettrica del parroco. Il primo giugno tentò di rapinare della borsa una 24enne che camminava nei pressi dello stadio: arrivò alle sue spalle e provò a sottrarle la borsa, spintonando poi la ragazza che aveva opposto resistenza e facendola cadere. Il 22 giugno, infine, entrò nel vialetto privato di un’abitazione e arraffò due bonsai che ornavano l’ingresso. Fondamentali sono state, per i carabinieri, le telecamere private e pubbliche e le descrizioni fornite dalle vittime in sede di denuncia. Tutte le vittime hanno, inoltre, riconosciuto lo stesso soggetto: la corporatura era la stessa e la calvizie coincideva insieme all’abbigliamento, visto che Di Donna si era presentato nella stazione carabinieri (per chiedere il motivo per cui i militari lo avevano cercato a casa) indossando ancora gli stessi abiti di quando commise uno dei colpi.

CRONACA