Castellammare. Pensioni, cause perse ma l’Inps non paga: tensione allo sportello

Francesco Sabatino,  

Castellammare. Pensioni, cause perse ma l’Inps non paga: tensione allo sportello

«Sono settimane che cerchiamo di parlare con i dirigenti dell’Inps, ma veniamo puntualmente respinti. E’ come scontrarsi con un muro di gomma, ormai». A parlare è una ctu, che dovrebbe riscuotere una parcella da 6mila euro a seguito di una sentenza del Tribunale di Torre Annunziata. L’ente di previdenza dovrebbe saldare in 90 giorni, ma è già trascorso un anno e nonostante la ctu provi a chiedere da tempo spiegazioni all’ufficio di Castellammare, non è riuscita ancora a ottenere spiegazioni.Allo sportello stabiese, negli ultimi giorni, sono in tanti quelli che si sono ritrovati a protestare. Professionisti o semplici cittadini che devono percepire pensioni d’invalidità. «Neanche davanti alle sentenze si decidono a pagare », racconta un uomo. Una situazione che in parte è confermata anche da una recente sentenza dell’ottava sezione del Tar, che è stata costretta a nominare un commissario ad acta della Prefettura per imporre all’Inps di riconoscere la pensione di cieco civile in favore di G.L., un uomo stabiese, che aveva vinto il primo ricorso già nel 2012. A distanza di 6 anni da quella sentenza però l’Inps non aveva ancora provveduto a erogare la pensione all’ex operaio, che si era infortunato proprio sul lavoro. Un’inadempienza che ha costretto G.L., attraverso i suoi legali, a ricorrere nuovamente al Tribunale Amministrativo della Campania, per veder riconosciuti i suoi diritti. E di queste casi, a sentire le lamentele di quanti quotidianamente raggiungono gli uffici nel rione Savorito a Castellammare, ce ne sarebbero diversi. Compresi anche i casi sollevati dai ctu, che chiamati dal Tribunale a dirimere le controversie tra i cittadini e l’ente di previdenza, poi sono costretti a una vera e propria odissea per vedersi riconosciuto il pagamento quando a soccombere è l’Inps. Una situazione che rischia di degenerare in proteste più veementi. «Siamo pronti a manifestare davanti alla sede», annuncia una ctu stabiese che attende da oltre un anno il pagamento di 6mila euro di onorario.

CRONACA