Raid e pestaggi per i voti. «Se adesso vado in galera mi porti 10.000 € a casa»

Redazione,  

Raid e pestaggi per i voti. «Se adesso vado in galera mi porti 10.000 € a casa»

TORRE DEL GRECO – Prima avrebbero minacciato e schiaffeggiato il politico del «gruppo rivale» e poi sarebbero andati a raccontare la «bravata» alla propria candidata a sindaco, impegnata in una cena elettorale in un ristorante al confine con Ercolano. È l’ennesimo retroscena in stile-Gomorra della campagna elettorale andata in scena tra maggio e giugno del 2018, quando – come sottolineato dal gip Antonio Fiorentino del tribunale di Torre Annunziata – la corsa alle urne venne affidata a «galoppini» senza scrupoli, pronti a utilizzare le «maniere forti» per portare voti alla propria coalizione. In un contesto già esasperato da diversi episodi criminali – a partire dal raid a colpi di uova al comitato elettorale di Domenico Maida – il fondo venne toccato a pochi giorni dal voto.

Alberto Dortucci

Leggi l’articolo completo su Metropolis in edicola o vai alla versione digitale http://metropolis.ita.newsmemory.com/

CRONACA