Consiglio Regionale su Fincantieri, sostenere lo sviluppo del polo di Castellammare

Redazione,  

Consiglio Regionale su Fincantieri, sostenere lo sviluppo del polo di Castellammare

CASTELLAMMARE DI STABIA – Un ordine del giorno, presentato dal gruppo di Forza Italia, è stato approvato all’unanimità oggi dal Consiglio regionale della Campania sollecitando la Giunta regionale “ad individuare tutti gli strumenti utili, normativi e finanziari”  per sostenere “il Piano Industriale affinché ridefinisca la mission produttiva dello stabilimento “Fincantieri Castellammare”. L’assise regionale ha auspicato che il sito di Castellammare, che vanta una antica tradizione, torni ad essere un polo centrale dell’azienda. Il Consiglio ha chiesto alla giunta di  sostenere il Piano di Investimenti di Fincantieri Spa “sia finanziariamente sia attraverso una più puntuale definizione del ruolo che il cantiere debba assumere all’interno della Zes, sia attraverso il sosteno alla formazione sul modello Fincantieri Academy” Inoltre l’assemblea ha impegnato il Governo regionale  a “sensibilizzare tutte le rappresentanze istituzionali, europee e nazionali, ad assumere ogni iniziativa utile a sostenere lo sviluppo infrastrutturale e produttivo de cantiere stabiese”.

Cesaro: il Mise ha sottratto i fondi

“Sparite le risorse per Fincantieri, spariti ben 2 miliardi di euro dei circa 10 del Patto per la Campania sottoscritto con Renzi”. Lo ha denunciato, nel corso della seduta del Consiglio regionale della Campania dedicata alla vertenza di Fincantieri di Castellammare, il presidente del gruppo di Forza Italia del Consiglio regionale della Campania Armando Cesaro che ha presentato in aula una mozione che impegna il governo regionale a mettere in campo norme e risorse a sostegno della cantieristica navale stabiese. “Il Ministero dello Sviluppo Economico – spiega Cesaro – ha letteralmente sottratto ben 2 miliardi di euro allo sviluppo e al lavoro della Campania, non sappiamo se per i ritardi del governo regionale, se per finanziare il reddito di cittadinanza o altro. Sappiamo solo che il 9 aprile di quest’anno il governatore De Luca ne ha semplicemente preso atto con una delibera, la 137” “E’ chiaro – sottolinea Cesaro – che si tratta di un fatto gravissimo del quale tanto De Luca quanto Di Maio devono risponderne”. “E’ inaccettabile che a fronte di una congiuntura favorevole per la cantieristica stabiese un ministro campano tolga ad un settore strategico dello sviluppo regionale ben 400 milioni di euro vanificando persino la volontà della Fincantieri di impegnarsi con un investimento che potrebbe risolvere definitivamente le criticità infrastrutturali di uno stabilimento che ora rischia grosso”, conclude il capogruppo regionale campano di Forza Italia.

Longobardi: a Castellammare non tronconi ma navi

“Dobbiamo dare a Castellammare di Stabia non solo tronconi ma intere navi, soprattutto quelle militari, che rappresentano le maggiori commesse. Noi dobbiamo prendere un impegno per assicurare i finanziamenti al comparto della cantieristica stabili. Ma dobbiamo fare in fretta”. Lo ha detto il consigliere regionale della Campania, Alfonso Longobardi del gruppo “De Luca Presidente”, intervenendo al consiglio straordinario convocato per discutere dello stabilimento “Fincantieri” di Castellammare di Stabia.

Marciano: su Fincantieri la Regione sta facendo la sua parte

“Il governo regionale sta facendo la sua parte per il rilancio di Fincantieri di Castellammare. Ma qui non stiamo ragionando sulla scorta dell’emergenza ma dello sviluppo futuro. E non è che ogni volta che facciamo un incontro con i tecnici facciamo un comunicato per dirlo”. Lo ha detto il consigliere regionale della Campania, Antonio Marciano (Pd), ribandendo che “dobbiamo fare in modo che quello di Castellammare di Stabia deve essere il sito dove si costruiscono navi ; oggi  siamo nelle condizioni di realizzare navi militari”.  “Noi a Fincantieri non chiediamo non un occhio meno aperto ai cantieri del Nord – ha aggiunto Marciano – ma due occhi attenti sulla realtà di Castellammare per programmare le attività dei prossimi 10-15 anni.  Un solo posto di lavoro in più per me è già un fatto enorme. E’ questo il lavoro che dobbiamo fare, impegnando Fincantieri ed il governo nazionale. La Regione sta facendo la sua parte”.

Russo-Pentangelo, gravissima la scomparsa 2 mld

Il ministro Di Maio ha il dovere di spiegarne i motivi “La scomparsa di ben due miliardi di euro dal Patto per la Campania denunciata oggi dal capogruppo regionale campano di Forza Italia Armando Cesaro è un fatto gravissimo. Il ministro Di Maio ha il dovere di spiegare con assoluta chiarezza i motivi per quali ha sottratto alle politiche economiche campane il 20% dei circa 10 miliardi di euro destinati a specifici programmi di sviluppo e del lavoro, non ultimo quello per Fincantieri Castellammare”. Lo affermano gli onorevoli Paolo Russo e Antonio Pentangelo, deputati di Forza Italia, rispettivamente coordinatore di Forza Italia della Grande Città e coordinatore della provincia di Napoli, che annunciano un’interrogazione urgente al ministro dello Sviluppo Economico. “Il fatto che a tagliare le risorse alla Campania sia un ministro napoletano, di Pomigliano – sottolineano gli esponenti di Forza Italia -, rende questa vicenda ancora più grave”.

CRONACA