Castellammare. A Moscarella inaugurato parco giochi: spazi recuperati grazie alle mamme

Francesco Sabatino,  

Castellammare. A Moscarella inaugurato parco giochi: spazi recuperati grazie alle mamme

Uno spazio messo a disposizione dei bambini e recuperato grazie all’impegno e alla dedizione di un gruppo di mamme. Lunedì mattina nel quartiere Moscarella si è tenuta l’inaugurazione del parco giochi e delle aiuole all’interno della scuola Wojtyla. Una festa a cui ha partecipato anche il sindaco Gaetano Cimmino: “Questo è il mio quartiere e cerchiamo di non far mai mancare il nostro supporto. Questa iniziativa è importante, anche se sappiamo che c’è ancora molto da fare. Bisogna credere nel cambiamento del quartiere e della città. Sono contento che grazie al lavoro delle mamme, delle maestre e del preside si siano raggiunti ottimi risultati. La mia presenza dimostra la vicinanza dell’amministrazione comunale”.Orgoglioso è anche il presidente Gaetano Gallinari: “Questi spazi erano completamente abbandonati, con i bambini che avrebbero dovuto camminare su spazzatura ed erbacce. Invece, grazie all’impegno di un gruppo di mamme, questi spazi sono stati restituiti ai bambini. E’ un segno di una voglia di riscatto della periferia, da qui può partire il riscatto ancora più rispetto al centro della città. Queste mamme si sono impegnate perché si sono sentite accolte, hanno capito che la scuola è un luogo di aggregazione. Mi incontro tutti i giorni con loro, collaboriamo e mettiamo insieme idee e progetti, pur facendo fronte alle scarse risorse che ci sono. Sappiamo che organizzare qualcosa con ciò che arriva dallo Stato è difficile, ma lamentarsi non serve a nulla. Bisogna combattere e grazie all’impegno di tutti, come dimostrato da queste mamme, si possono raggiungere i risultati. Un grazie va a a loro, con questo ringraziamento che è soprattutto dei bambini che usufruiranno di questi spazi. Stiamo provando a costruire una comunità”.Soddisfatte e sorridenti anche le mamme che hanno reso possibile tutto ciò, sacrificando tempo, lavoro e soldi per amore dei propri figli e del quartiere: “Le aiuole nate verranno curate dai bambini stessi, così come le giostrino sono state acquistate grazie a una colletta fatta da tutte le mamme. Tutto ciò è stato possibile non solo grazie al nostro lavoro, ma anche grazie a Marco Longobardi di Al.Ma., i fratelli Amita, Giuseppe Del Puozzo di colori e colori e la panetteria del corso che ci hanno aiutato in mille modi diversi”.

CRONACA