Sparatoria Napoli: Noemi lascia la Rianimazione

Redazione,  

Sparatoria Napoli: Noemi lascia la Rianimazione

NAPOLI – A distanza di circa un mese dal ferimento, un altro passo verso la completa guarigione: Noemi, la bambina di 4 anni che ha rischiato la vita per essersi trovata nel posto sbagliato in occasione dell’agguato di camorra di piazza Nazionale, ha lasciato il reparto di Rianimazione dell’ospedale pediatrico Santobono di Napoli in cui era ricoverata dal 3 maggio scorso per essere trasferita in un ambiente attiguo in cui proseguirà la fase della riabilitazione.  Le saranno di conforto i genitori che potranno stare con lei tutto il tempo e seguirne i miglioramenti partecipando da protagonisti al percorso riabilitativo. Noemi era stata dichiarata fuori pericolo lo scorso 20 maggio, oltre due settimane dopo il ferimento che ne aveva compromesso la funzionalità dei polmoni e determinato la frattura di una vertebra e della scapola. Ora la riabilitazione proseguirà in un’area attigua alla Rianimazione. Un luogo in cui vengono trasferiti quei piccoli pazienti che, superata la fase più critica, non sono ancora in grado di andare in un reparto di degenza ordinaria. In quest’area, articolata in più stanzette, potranno essere ospitati anche i genitori in modo da facilitare il recupero della piccola anche sul piano psicologico.    Insomma un luogo più a misura di bambina dove Noemi – che ora respira e mangia in maniera autonoma – ritroverà i suoi giochi lasciandosi alle spalle le macchine che nella fase più critica hanno sostenuto la funzionalità dei suoi organi vitali. La speranza è che il ritorno a un ambiente più familiare a una bambina possa favorirne il recupero che in ogni caso procede a passi spediti grazie all’età e alla struttura sana del paziente.    Non a caso, il via libera dei medici è arrivato dopo che una Tac di controllo ha confermato i progressi clinici fatti registrare dalla bambina nelle ultime settimane.    Inizia ora una fase di riabilitazione che durerà diverse settimane fatta di fisioterapia respiratoria ed esercizi motori alternati al gioco per rendere il tutto meno faticoso. “Buona vita piccola grande Noemi!” è l’augurio su Facebook del ministro dell’Interno Matteo Salvini.

CRONACA