Sì alla nuova scuola media a Sant’Agnello, ecco il bando da 8 milioni

Salvatore Dare,  

Sì alla nuova scuola media a Sant’Agnello, ecco il bando da 8 milioni

La svolta tanto attesa è finalmente arrivata. Per la realizzazione della nuova scuola media di Sant’Agnello a stretto giro partirà la gara d’appalto. Il Comune ha approvato tutti gli atti necessari per indire il bando e ha concesso il proprio definitivo benestare per far partire la procedura presso la centrale unica di committenza della penisola sorrentina. Un obiettivo, quello di costruire un plesso nuovo di zecca, più volte dichiarato dal sindaco Piergiorgio Sagristani. Nei mesi scorsi, la giunta ha dovuto riapprovare tutti gli atti alla luce di ulteriori modifiche intervenute sia nelle norme tecniche per le costruzioni che per il tariffario delle opere pubbliche. Ora si può entrare decisamente nella fase chiave della procedura che garantirà a Sant’Agnello un istituto di prim’ordine, all’avanguardia e di qualità. La nuova scuola media sorgerà in via dei Gerani, comporta una spesa complessiva di circa otto milioni di euro e l’amministrazione Sagristani può contare su un finanziamento di cinque milioni di euro. Come si evince anche dal progetto esecutivo, il quadro finanziario verrà integrato con altri tre milioni di risorse comunali pescando pure da un tesoretto delle vendite immobiliari. Non solo. Ci sono a disposizione un avanzo di amministrazione pari a 1,5 milioni di euro (la cifra è già stata vincolata lo scorso luglio nel corso di una seduta di consiglio comunale) e un residuo dei fondi Cipe della legge 219 del 1981. Già da un anno e mezzo, il Miur ha accolto la richiesta di finanziamento formulata da Sant’Agnello. Per appaltare i lavori si rende comunque necessaria una gara europea che, come la norma impone, deve passare al vaglio di Bruxelles. Il progetto è ambizioso. La scuola prevederà 18 aule per lezioni frontali, altre sette per attività speciali, quindi un archivio, un refettorio, un’ampia biblioteca, un’area sportiva esterna attrezzata con campi da tennis e campetti da calcio, pallacanestro e pallavolo. Non finisce qui. Previste pure una palestra e una pista di atletica a quattro o sei corsie per una lunghezza di 100 metri. Quindi pedane per il lancio del disco e vasche per il salto in alto e in lungo. L’immobile sarà completato da numerosi uffici per il personale didattico e la direzione, una sala per gli insegnanti e anche un parcheggio interrato. Ci saranno box a uso soltanto del personale docente. La scuola verrà costruita in un terreno che nel 2002 il Comune di Sant’Agnello – all’epoca il sindaco era già Sagristani – acquistò per quasi un milione di euro da alcuni privati. I tempi di esecuzione degli interventi previsti? Nel capitolato d’appalto, come già specificato da tempo dall’amministrazione, sarà inserito il termine di 24 mesi. Una volta realizzata la scuola, i locali del municipio che attualmente ospitano gli alunni della media saranno liberati. Domanda d’obbligo: a quel punto cosa penserà di fare il Comune al posto delle aule? Sagristani ha già detto di voler valutare qualsiasi tipo di possibilità, magari attuando «una politica di aggregazione. Magari pure un teatro». Anche se le voci danno possibile pure l’apertura di attività commerciali, locali e ristoranti. Adesso il Comune di Sant’Agnello ha dato il proprio ok per l’avviso pubblico della gara d’appalto.

CRONACA