Vigili, a Sorrento caccia al nuovo comandante. E il vice fa causa al Comune

Salvatore Dare,  

Vigili, a Sorrento caccia al nuovo comandante. E il vice fa causa al Comune

Almeno per il momento, del nuovo comandante della polizia municipale neppure l’ombra anche perché resta aperta una selezione per il posto tanto ambito di dirigente. Al momento, il reggente è il funzionario comunale Donato Sarno, che fino a quando non ci sarà il vero e proprio rimpiazzo del colonnello Antonio Marcìa – a fine estate è andato in pensione – dovrà guidare il primo dipartimento del Comune di Sorrento. Quello che, appunto, si occupa dei caschi bianchi. Nel frattempo, scoppia pure una battaglia legale alquanto intricata. Perché l’ormai ex vicecomandante dei caschi bianchi, il tenente Carmine Bucciero, ha deciso di trascinare in tribunale l’amministrazione di piazza Sant’Antonino. Una disputa, quella che si è instaurata tra l’agente e il Comune, che si gioca sulla decisione risalente alla scorsa estate e che portò l’ente a revocare al dipendente la posizione organizzativa oltre che la “qualifica” di numero due del comando di corso Italia. Il caso sarà discusso nel giorno della festività patronale di Sorrento, Sant’Antonino, il prossimo 14 febbraio, dinanzi alla sezione lavoro del Tribunale di Torre Annunziata, così come recita anche la determina dirigenziale con cui l’ente ha dato mandato di rappresentanza legale nella causa all’avvocato Maurizio Pasetto. Insomma, non tutto fila liscio. Il Comune di Sorrento deve assolutamente cercare di rinforzare quanto prima il corpo della polizia municipale in vista della futura stagione turistica e, non a caso, a stretto giro dovrebbero essere formalizzate nuove assunzioni. Ne sono previste sei, a tempo indeterminato, con un concorsone preso d’assalto da candidati provenienti da ogni angolo della provincia di Napoli: ben trecento, inizialmente, coloro che hanno tentato di intraprendere la selezione indetta dal Comune di Sorrento, intanto sollecitato dalle sigle sindacali a rimpolpare l’organico magari anche andando a stabilizzare quegli agenti che negli anni scorsi hanno prestato servizio part-time (missione sinora compiuta, con varie forme di contratto riviste dall’ente). Bucciero, dal suo canto, attende sviluppi su due fronti. Il primo è proprio quello che riguarda il contenzioso incardinato dinanzi alla sezione lavoro del Tribunale di Torre Annunziata. Il tenente a stretto giro lascerà il Comune di Sorrento e andrà altrove. A quanto pare, sul suo conto c’è una richiesta formulata dal sindaco di Gragnano, Paolo Cimmino, che ha prodotto un’istanza al collega di Sorrento, Cuomo, per affidare a Bucciero il comando delle operazioni nella città della pasta. Si vocifera anche di una proposta simile pervenuta dal primo cittadino di Boscoreale, Antonio Diplomatico. Si vedrà. Bucciero, nel ricorso presentato di recente al Tribunale di Torre Annunziata, contesta il fatto che dallo scorso primo luglio sia stato sostituito nel ruolo di vicecomandante della polizia municipale. Quest’incarico, ricoperto per ben dieci anni consecutivi (fu nominato nel 2009), si lega anche alla revoca – sempre attraverso determina dirigenziale – della posizione organizzativa di cui risultava esserne titolare addirittura nel 2007. Bucciero è dipendente del Comune di Sorrento a tempo indeterminato.

CRONACA