Elezioni, partono le trattative a Vico Equense. L’opposizione punta su Maurizio Cinque

Redazione,  

Elezioni, partono le trattative a Vico Equense. L’opposizione punta su Maurizio Cinque

Ci riproverà. E molto probabilmente tornerà a sfidare Andrea Buonocore, il sindaco di Vico Equense che l’ha battuto al ballottaggio al termine di una campagna elettorale tesa, contrassegnata da polemiche e denunce, veleni e indagini. E decisa da uno scarto minimo, di appena 32 voti. Maurizio Cinque, che qualche giorno fa ha rassegnato le dimissioni dalla carica di consigliere comunale di opposizione facendo posto all’ingresso in aula della giovane presidente dell’associazione “Portatori sani di cambiamento” Rossella Staiano, alle Comunali del 2021 si presenterà nuovamente ai nastri di partenza con la convinzione di potersi riprendere la rivincita. A sostenerlo a quanto pare buona parte dell’attuale opposizione. Sia chiaro: al momento, Cinque sta valutando l’opportunità di scendere in campo alle imminenti elezioni Regionali. Secondo le ultime indiscrezioni, potrebbe entrare a far parte di una delle liste che supporteranno la ricandidatura del governatore campano uscente Vincenzo De Luca. Ma ciò non incide affatto sull’ipotesi alquanto concreta di tornare in prima linea alle Comunali. D’altronde Maurizio Cinque ha sempre e comunque fatto trapelare malumore e perplessità sulle Comunali 2016, ha fatto denunce e chiesto accertamenti seppur per la Procura di Torre Annunziata – eccetto la vicenda riguardante l’ipotetico falso nella presentazione della candidatura di Buonocore (ci sono due imputati, non evidentemente il primo cittadino in carica) – non ci siano state irregolarità nelle operazioni di voto. Chi altro potrebbe valutare una candidatura a sindaco è evidentemente, secondo le voci, l’avvocato Massimo Trignano. Eletto nella lista di maggioranza “VICOinvolgiAMO” ed individuato come nuovo presidente del consiglio comunale, nel corso della consiliatura ha deciso di smarcarsi dalla truppa Buonocore assumendo una posizione indipendente in aula. Una mossa che secondo alcune fonti della maggioranza avrebbe potuto portare il presidente del civico consesso direttamente all’opposizione, passo però mai fatto e mai confermato dal diretto interessato. Così come la sua potenziale candidatura a sindaco rimane una voce, nulla di più, almeno per il momento. Rimane da definire anche il futuro ruolo che potrebbe occupare l’attuale assessore Gennaro Cinque. E al di là del discorso legato alle Regionali 2020. L’ex primo cittadino di Vico Equense non ha potuto ripresentare la sua candidatura alla fascia tricolore perché reduce da due mandati consecutivi. Ora invece con Buonocore al comando le cose sono cambiate. E Cinque, magari, potrebbe addirittura rivalutare una propria candidatura a sindaco anche se, nonostante i rumors che lo danno in stato di allerta, non appare intenzionato a sfilare il timone all’attuale primo cittadino. Il quale, è bene ricordarlo, fu imposto all’ultimo minuto proprio dall’incessante pressing sulla maggioranza di Cinque che preferì la candidatura di Buonocore a quella già stabilita dell’attuale vicesindaco Franco Lombardi. Insomma, tanta carne sul fuoco mentre la giunta municipale rimane ancora monca (non c’è un’assessora) e senza le deleghe.

CRONACA