Colpo sotto gli occhi dei turisti a Sorrento. Ladri rubano il bancomat Atm

Salvatore Dare,  

Colpo sotto gli occhi dei turisti a Sorrento. Ladri rubano il bancomat Atm

I ladri sono entrati in azione nel cuore della notte. E, senza dare nell’occhio, sono riusciti a portare via l’intera colonnina dello sportello Atm di corso Italia situata all’ingresso del supermercato Decò. Al momento risulta impossibile quantificare il bottino né c’è una stima indicativa delle banconote contenute nella macchinetta. Sul caso c’è un’inchiesta aperta dai carabinieri di Sorrento che stanno cercando di raccogliere quanti più elementi è possibile per individuare la gang e catturarla. L’indagine però non si presenta facile. Il colpo è stato messo a segno nella notte tra venerdì e sabato. Lo sportello Atm era stato posizionato alcuni mesi fa praticamente all’ingresso del supermercato Decò. C’era una saracinesca che, in orario notturno, consentiva comunque ai clienti di poter fare le operazioni desiderate senza dover avere accesso al market. Qualche mese fa fu manomesso da una coppia di banditi esperti in informatica che avevano clonato diverse carte di credito, almeno fino a quando non furono scoperti ed arrestati. Nel dettaglio, l’apparecchio non è di proprietà del Comune di Sorrento ma di una società esterna che ha stretto un accordo con tanto di concessione con l’amministrazione municipale per installare in diversi punti della città gli sportelli Atm. Probabile che i ladri, per trasportare la cash machine, abbiano utilizzato un camioncino. Ce ne sono alcuni anche al porto, nel borgo di Marina Piccola. Evidentemente, il raid è stato studiato con dovizia di particolari da diversi giorni. Ed è stato eseguito nei dettagli in piena notte, dopo le festività natalizie. Nonostante il centro di Sorrento ed anche corso Italia sfoggino tuttora luminarie e addobbi (verranno rimossi a quanto pare all’inizio della prossima settimana), la città sta attraversando la fase del lungo letargo invernale. Alberghi e strutture ricettive chiuse, proprio come la maggioranza di bar e ristoranti del centro storico. Il contesto ideale, quindi, per pianificare un colpo sicuramente fruttuoso e non avere troppi problemi. Sul furto ci sono indagini in corso coordinate dalla Procura di Torre Annunziata e portate avanti dalla compagnia dei carabinieri di Sorrento. Gli uomini diretti dal capitano Ivan Iannucci, dopo un sopralluogo, hanno avviato gli accertamenti di rito per recuperare qualche frame dell’impianto di videosorveglianza. Al momento, però, non ci sono immagini utili. Le telecamere installate nella zona non hanno inquadrato i malviventi durante l’asporto della colonnina Atm. Si spera che dall’analisi dei filmati dei giorni precedenti possa balzare all’occhio qualche sospetto che, magari, ha fatto una sorta di “ispezione” per rifinire al meglio il furto. «Solo a pensare che sulla strada principale possa avvenire un fatto simile è allarmante per la nostra sicurezza – sottolinea Francesco Gargiulo, coordinatore del movimento civico “Conta anche tu” e intenzionato a candidarsi a sindaco alle prossime elezioni Comunali – Il primo cittadino Giuseppe Cuomo si dovrebbe fare carico di questa situazione e chiedere un incontro urgente con il Prefetto. Non è possibile che dopo avere investito centinaia di migliaia di euro per l’impianto di video sorveglianza, quando chiude il comando di polizia municipale, l’impianto non è più controllato. Secondo il mio punto di vista il segnale dovrebbe essere passato automaticamente alla polizia di Stato e ai carabinieri dove è attivo un servizio H 24. Riprendiamoci la città».

CRONACA