Torre del Greco, picco di casi Covid. Attacco De Luca: «Più militari, 300 soldati nei focolai della Campania». Caso al prefetto

Redazione,  

Torre del Greco, picco di casi Covid. Attacco De Luca: «Più militari, 300 soldati nei focolai della Campania». Caso al prefetto

Un giro di vite nei controlli anti assembramento in Campania. E, in particolare, nelle località maggiormente colpite dal coronavirus, a partire da Torre del Greco. E’ quello che invoca il governatore campano Vincenzo De Luca che ha chiesto questa mattina alla prefettura di Napoli la predisposizione di un massiccio servizio di controllo da parte delle forze di polizia e forze Armate in alcune realtà dove si registrano picchi di contagio.

«A Torre del Greco si è registrato un picco di 40 casi e una presenza irresponsabile e diffusa di persone nelle strade cittadine – dice De Luca Così a Casoria, Afragola e in strade centrali di Napoli. E’ necessario richiamare ogni cittadino a comportamenti responsabili. Ma è necessario, evidentemente un controllo più capillare e anche una attività repressiva.A tale scopo il Presidente De Luca ha formalizzato la richiesta di rafforzamento della presenza di Forze Armate in Campania, a supporto dell’attività di controllo già in essere. E’ stato chiesto pertanto l’invio urgente di altre 300 unità di appartenenti alle Forze Armate».

CRONACA