Si aggravano le condizioni del boss Zagaria, ricoverato in Lombardia

Redazione,  

Si aggravano le condizioni del boss Zagaria, ricoverato in Lombardia

Il camorrista Pasquale Zagaria non ritorna in carcere. Le sue condizioni di salute si sono aggravate in seguito a esami diagnostici ed è stato ricoverato in Lombardia. Fratello di Michele, boss dei casalesi, Zagaria era detenuto in regime di 41 bis nel carcere sassarese di Bancali. Il 23 aprile gli era stata concessa la detenzione domiciliare perché nelle strutture sanitarie di Sassari non era possibile far proseguire le cure per un tumore alla vescica diagnosticatogli a fine ottobre del 2019. Oggi il Tribunale del riesame di Sassari avrebbe dovuto prendere in esame la richiesta di carcerazione di Zagaria, ma i suoi difensori, gli avvocati Lisa Vaira e Andrea Imperato, hanno chiesto la conferma del differimento ai Si aggravano le condizioni del boss Zagaria, ricoverato in Lombardiadomiciliari e hanno sollecitato il tribunale affinché sollevi alcune questioni di incostituzionalità del D.L. 29/2020. La decisione dei giudici è attesa entro pochi giorni.

A margine dell’udienza gli stessi difensori hanno precisato all’ANSA che le condizioni di salute del loro assistito si sono aggravate. “Pasquale Zagaria si trova ora ricoverato in un ospedale della Lombardia”, spiega l’avvocata Lisa Vaira. “La scorsa settimana si è sottoposto in una struttura sanitaria veneta a un’endoscopia con biopsia di cui ancora non conosciamo gli esiti. Probabilmente a seguito di quest’esame ha avuto ulteriori problemi di salute per cui è stato necessario il ricovero”. Dopo le polemiche sulla sua scarcerazione, per Zagaria si prospettano due soluzioni compatibili con lo stato di salute e la necessità di cure adeguate: il trasferimento al carcere di Viterbo, indicato dal Dap, o nella struttura penitenziaria di Opera, a Milano, dotata di centro clinico.

CRONACA