Covid, il focolaio mette paura: spuntano altri 8 positivi

metropolisweb,  

Covid, il focolaio mette paura: spuntano altri 8 positivi

Una catena di contagi che sembra non fermarsi. Dal focolaio de La Sonrisa, il locale di Sant’Antonio Abate che è finito al centro di una mini zona rossa, spuntano altri nuovi infetti. Otto nelle ultime ore e collocati, geograficamente, in diverse città del comprensorio. C’è preoccupazione tra i sindaci della zona che temono, dopo essere riusciti a tenere sotto controllo l’emergenza coronavirus, di ritornare a vivere l’incubo della scorsa primavera.

I casi nei comuni. Nella giornata di ieri, infatti, Castellammare ha ufficializzato che altre due persone erano risultate positive. “Si tratta di due donne, rispettivamente di 66 e 74 anni, entrambe collegate al focolaio che ha coinvolto un Comune limitrofo e poste da diversi giorni in isolamento domiciliare con i rispettivi nuclei familiari congiunti. Ad entrambe auguro di guarire presto, al pari degli altri 5 cittadini che in questo momento stanno combattendo la loro sfida contro il virus” le parole del sindaco Cimmino. Altri tre, invece, i casi a Gragnano comunicati dal sindaco Paolo Cimmino. Che ha anche ribadito l’invito alla popolazione a sottoporsi a test e tamponi in modo da realizzare uno screening preciso di quello che sta accadendo in queste ore. L’emergenza, poi, legata al focolaio di Sant’Antonio Abate raggiunge anche la città di Terzigno. A darne notizia il sindaco Francesco Ranieri: “Nuovo positivo nel nostro Comune. Si tratta di una ragazza che ha partecipato ad una festa alla Sonrisa di Sant’Antonio Abate. Erano più di tre mesi che non si annoveravano casi sul nostro territorio. Domani procederò con gli atti consequenziali. Purtroppo avevo visto lontano alla stregua anche dei numeri che giornaliermente crescono. Non molliamo la presa. A voi giovani non sottovalutate il rischio. La salute prima di tutto” le parole del primo cittadino.

Risultati dello screning. Fortunatamente, invece, a Sant’Antonio Abate anche grazie all’intervento rapido e all’iniziativa congiunta di Regione, Comune e Asl, la situazione per ora sembra sotto controllo.  “I 4274 rilievi, effettuati il 14 agosto nei 6 siti allestiti ed a domicilio, hanno dato esito negativo tranne quattro” le parole del sindaco Ilaria Abagnale. “Ora possiamo finalmente annunciarvi che l’intera analisi svolta sulla cifra totale di 4162 rilievi ha dato esito negativo. Alla suddetta cifra, si aggiungono i 112 tamponi eseguiti a domicilio dall’Unità Mobile, dall’esito negativo tranne che per quattro, risultati positivi. I soggetti sono riconducibili alla rete di contatti ricostruita dall’ASL territoriale per il focolaio principale d’interesse” scrive il sindaco che sta gestendo in prima persona la situazione. “Posso rassicurarvi sull’efficacia delle azioni intraprese, tutto prosegue bene. Non ci resta che attendere i risultati delle analisi di ieri e rispettare nel frattempo tutte le norme impartite dal Ministero della Salute in materia sanitaria” conclude il sindaco.

I numeri in Regione Sono 46 i positivi in Campania nelle ultime 24 ore. 5 sono provenienti dall’estero o contatti di precedenti casi di rientro e 8 derivanti dallo screening connesso alle strutture ricettive di Sant’Antonio Abate dove era stata registrata la presenza di un focolaio. Nella giornata di ieri, poi, sono stati effettuati 3.389 tamponi. Il totale dei positivi è di 5.278 su un complessivo di 361.893 tamponi.

CRONACA